Così intervengono ancora una volta i consiglieri e le forze politiche di opposizione, Partito Democratico, Sinistra Comune, Massarosa Futuro e Massarosa Domani, in merito alla scuola elementare di Quiesa e all’inerzia perpetrata dall’amministrazione comunale con il rischio di far perdere alla comunità un servizio e soldi pubblici già disponibili.

Un disastro segnalato in tutte le sedi possibili

“Sulla scuola di Quiesa abbiamo inviato una nota alla Procura della Corte dei Conti, Procura della Repubblica, Regione Toscana, Fondazione CRL, Sindaco, Presidente del Consiglio comunale, Segretario comunale, Dirigente ai Lavori Pubblici, Collegio dei Revisori dei Conti da una parte per informare gli organi preposti di cosa sta accadendo e dall’altra per diffidare l’amministrazione a procedere con i lavori”.

“Nella lettera – proseguono – abbiano evidenziato che gli atti fatti da “quelli di prima” per sistemare la scuola di Quiesa sono stati:

• Nel 2019 il Comune di Massarosa ha ottenuto due finanziamenti, tuttora in essere, per la scuola primaria di Quiesa (che ospita anche una scuola dell’infanzia);
• Il Consiglio comunale con delibera n. 32 del 9 aprile 2019, ha modificato l’elenco delle opere pubbliche e ha fuso i due interventi in un’unica opera; • • I due finanziamenti implicano altrettanti cofinanziamenti e il consiglio comunale ha stanziato € 140.000 di risorse proprie, largamente sufficienti; • • Sulla base della decisione del consiglio comunale in data 15 maggio 2019 la Dirigente ha bandito tre gare per individuare il Direttore dei Lavori, il Responsabile della Sicurezza e il progettista incaricato della redazione del Progetto Esecutivo, sulla base del quale bandire la gara;

…poi “quelli di ora” hanno bloccato tutto

• Il 26 Maggio 2019 si sono svolte le elezioni amministrative ed è stato eletto il nuovo Sindaco di Massarosa Alberto Coluccini;
• Negli stessi giorni sono state aggiudicati ad altrettanti professionisti gli incarichi per la Direzione dei Lavori e di Responsabile della Sicurezza;
• sebbene la procedura (CIG ZAB286B800) si sia svolta e sia stata validamente presentata un’offerta (per un importo di circa 18.000 euro), non si è invece proceduto all’aggiudicazione dell’incarico per la progettazione esecutiva, nè lo si è in seguito fatto fino ad oggi a distanza di 1 anno e mezzo.
• In data 12 luglio 2019 il plesso su cui è previsto il suddetto intervento è stato chiuso a seguito dei risultati delle analisi preliminari condotte in vista degli interventi finanziati come sopra;
• L’amministrazione Coluccini, incurante dei gravissimi disagi provocati dalla chiusura della scuola e di un ampio movimento di protesta che ha interessato la frazione, è rimasta completamente inerte rispetto all’obbligo di condurre gli interventi programmati, né ha eventualmente corretto o revocato gli indirizzi ricevuti;
• In data 26 giugno 2019 con delibera n. 138 la nuova Giunta ha approvato la convenzione con La Regione che la impegna, fra l’altro, ad eseguire gli interventi;
• Nel Gennaio 2020 attraverso una variazione di bilancio e nel marzo 2020 attraverso un atto di indirizzo il Comune di Massarosa ha stanziato 30.000 euro per un progetto di adeguamento sismico dell’edificio;
• Tale progetto è del tutto estrinseco rispetto alla natura dei finanziamenti ricevuti e comporta con ogni evidenza maggiori costi rispetto a quelli fronteggiabili con le risorse disponibili; inoltre, poiché l’edificio risale agli anni trenta ed è sottoposto a vincolo, l’intervento di adeguamento è probabilmente impossibile allo stato degli atti; In ogni caso ad oggi l’incarico per il progetto di adeguamento sismico non è stato affidato, né sono stati predisposti gli atti di gara a tal fine;

Sembra che ce la stiano mettendo tutta per perdere i finanziamenti

Il finanziamento regionale, adesso scadrà il 28 novembre 2020 e non è stato ancora perduto solo a causa del differimento dei termini amministrativi dovuto all’emergenza Covid;

Mentre l’amministrazione si disperde in iniziative improbabili e inconferenti – continuano i membri della minoranza – rimane del tutto inerte rispetto al dar seguito ad atti possibili e comunque obbligatori, quali l’affidamento dell’incarico a seguito della gara CIG ZAB286B800, la progettazione esecutiva di un’opera finanziata e il successivo appalto dei lavori;

Le motivazioni inconsistenti del Sindaco (rilevabile dalle registrazioni del Consiglio comunale), gli atti di aperta ostilità nei confronti del comitato di genitori, insegnanti, associazioni che protesta per il mancato affidamento dei lavori, l’inerzia inesplicabile degli organi burocratici del Comune configurano la volontà di allungare i tempi e ostruzionistica che non trova motivazioni logiche e alla quale in ogni caso non sono mai seguiti atti espliciti di correzione degli indirizzi, di motivazione di impossibilità ad adempiere, ecc.

Si annunciano atti per una nuova progettazione quando atti a cui dare seguito ci sono già!

Lo stanziamento di un secondo fondo per la progettazione, mentre non si procede all’aggiudicazione di una proceduta di gara che ha fatto insorgere interessi legittimi di terzi, fondo peraltro largamente superiore all’offerta ricevuta, configura un potenziale e attuale spreco di risorse che è stato segnalato nel marzo 2020 a Collegio dei Revisori dei Conti del Comune, senza ricevere risposta”.

“Abbiamo chiesto – concludono i consiglieri di opposizione – una valutazione di possibili danni erariali commessi da parte di organi politici, burocratici e di controllo del Comune di Massarosa. Non siamo disposto a fermarci nemmeno su questa battaglia e andremo fino in fondo”.

(Visitato 707 volte, 1 visite oggi)

Ecco le nuove misure di contenimento della pandemia

Del Sodato: “Anche sulle mense in scena il teatro dell’Assurdo”