Ci aspettiamo che da dietro un angolo appaia il giornalista che ci comunica di essere su scherzi a parte – cosi iniziano il loro intervento gli esponenti della minoranza di Massarosa.
In questi giorni Coluccini nel “discorso del Parcheggio” è uscito dicendo alla gente che i debito superavano 19 milioni di euro durante la solita azione denigratoria contro “quelli di Prima”

Con 2 milioni si esce dal dissesto senza nemmeno vendere le quote di Toscana Energia

Purtroppo o per fortuna però alle chiacchere segue di solito qualcuno che evidenzia i fatti avendone titolo. È uscita infatti la relazione dell’organismo di liquidazione che indica a quanto ammonti la massa passiva accertata.

Due milioni e si chiude il dissesto in semplificata senza vendere così come avevamo suggerito le quote di Toscana Energia. È questo quello che l’OSL ha scritto nella sua relazione.
Massarosa, per un capriccio di Coluccini, continuano le minoranze, avrebbe dichiarato il dissesto quando a conti fatti le attività superano le passività.

delibera OSL – ritaglio

Il quadro che emerge dal lavoro dell’OSL, che ringraziamo, dimostra tutta la follia e l’inconsistenza del dissesto dichiarato dall’Amministrazione Coluccini.
I liquidatori hanno ammesso in via prudenziale e quindi provvisoria circa 13 milioni di insinuazioni al passivo che probabilmente verranno ulteriormente ridotti in via di liquidazione.
i debiti rimasti, come per prassi verranno pagati al 50%

Se adesso decide finalmente di alienare le quote di Toscana Energia può pagare al 100% le Imprese come da noi proposto da anni, non c’è nessun buco, nessuno si fa male.

Un buco peraltro aperto dall’eliminazione arbitraria e fuori dalle procedure di legge dei residui attivi certificati dai Revisori appena due mesi prima.

Il dissesto, un’operazione autolesionista che pagheranno famiglie e imprese

Emerge pertanto con chiarezza che siamo di fronte ad un’operazione che sarebbe ridicola se le conseguenze in quest’anno non fossero state tragiche.

Un’operazione che ha fatto emergere passività in buona parte maturate sotto l’Amministrazione in carica, dato che dal giugno 2019 non ha più effettuato pagamenti.

Un’operazione che ha paralizzato il comune, ha messo in grave difficoltà le aziende e le famiglie e gettato discredito gratuito su un Ente che si era distinto, negli anni precedenti, a livello nazionale e internazionale.
Un’operazione tutta politica, ma alla fine il discredito è tutto della Giunta e di chi il dissesto l’ha votato.
Da un lato tiriamo un sospiro di sollievo perché il patrimonio non si venderà; dall’altro è il momento di agire e che ognuno si assuma le proprie responsabilità.

Nelle prossime ore presenteremo una mozione in Consiglio Comunale per salvaguardare i creditori e pagarli al 100% attraverso l’alienazione delle quote di Toscana Energia.
Insieme a un po’ di proposte per togliere Massarosa dal pantano in cui scelte sconsiderate l’hanno gettata.

LEGGI LA DELIBERA INTEGRALE DELL’OSL

(Visitato 1.317 volte, 2 visite oggi)
TAG:
Slider

ultimo aggiornamento: 05-11-2020


Lavoro, le offerte della settimana in Versilia

Lavoro, le offerte della settimana in Versilia