“Abbiamo letto con sconcerto – dichiarano Damasco Rosi e Simona Barsotti, capogruppo e consigliera del Partito Democratico di Massarosa – le parole che il sindaco di Massarosa Alberto Coluccini ha rivolto agli impiegati del comune.

Facciamo nostro l’intervento delle RSU che ricordano che non c’è nessuna
mancanza di competenze, in particolare all’ufficio gare e contratti, tant’è che proprio quel settore, finito nel mirino del Sindaco, segue, proprio per la preparazione che caratterizza le figure che ne fanno parte, le gare anche per conto del comune di Stazzema”.

“Piena vicinanza quindi – proseguono – da parte nostra a tutti quei lavoratori che sono stati chiamati in causa e che si sono sentiti giustamente offesi. Tutti i dipendenti del Comune di Massarosa fino al maggio 2019 hanno partecipato a vari corsi di formazione ed hanno anche tenuto, loro stessi, incontri per altri dipendenti.

La loro seria professionalità e competenza non può essere messa in discussione soprattutto dal “loro Sindaco””.
“Ci auguriamo tanto – continuano i democratici – che i partiti di maggioranza condannino le parole che il sindaco ha rivolto ai dipendenti del comune di Massarosa e prendano immediatamente e pubblicamente le
distanze dalle sue affermazioni gravi, ingiuste ed oltraggiose.

È ora che il sindaco la faccia finita di dare le colpe sempre a qualcun altro: “quelli di prima”, il governo, la regione, la provincia, i “cittadini comitatisti”, ora i dipendenti comunali.
Basta davvero, non se ne può più di questo atteggiamento.

E la faccia pure finita di prendersi dei meriti che non ha solo per tentare di conquistare una credibilità politica che non ha”.
“Da parte nostra esprimiamo, anche a nome del Partito Democratico che rappresentiamo, la nostra solidarietà – concludono Rosi e Barsotti – a tutte le professionalità comunali che con impegno e dedizione fanno ogni giorno il loro lavoro e le invitiamo ad andare avanti con al solita tenacia e serietà di sempre”.

(Visitato 179 volte, 1 visite oggi)

L’OSL smaschera le bugie di Coluccini, il dissesto si poteva evitare

“Vendete Toscana energia per pagare al 100% i creditori”.