FORTE DEI MARMI. Ancora una volta vigili maltrattati perché fanno rispettare l’obbligo di indossare le mascherine contro il Covid. Prima a Lucca, poi a Forte dei Marmi. Lo ha denunciato nei giorni scorsi il sindaco Bruno Murzi. E sul caso torna ora anche il sindacato UIL Flp.

“La seconda aggressione in pochi giorni ad agenti della polizia municipale è avvenuta a Forte dei Marmi. Dopo il caso di Lucca, la folla ha sfogato la rabbia sui vigili in servizio solo perché avevano chiesto a dei ragazzi di mettersi la mascherine, come previsto dalla normativa. Una vera aggressione verbale denunciata dal sindaco Bruno Murzi. Agli agenti la piena solidarietà dalla Uil Fpl”. Un messaggio che arriva dal segretario della Uil Fpl, Pietro Casciani, che commenta ta: “Purtroppo gli episodi di violenza, fisica o verbale, a danno del personale degli enti pubblici si stanno moltiplicando in questi giorni e speriamo davvero che non sfocino in qualcosa di peggio. Succede in ambito sanitario ma non mancano spiacevoli episodi come questo nei confronti della Polizia Municipale e di tutte le forze dell’ordine che fanno solo rispettare la legge e le norme del buon senso. La frustrazione dovuta alle restrizioni Covid non può assolutamente degenerare in questi comportamenti che condanniamo con fermezza”.

(Visitato 485 volte, 1 visite oggi)
TAG:
aggressioni covid-19 sindacati

ultimo aggiornamento: 11-11-2020


Mercato di Forte dei Marmi solo per residenti: è deserto…

Forte dei Marmi, chiude per lavori il cavalcavia di via Giglioli