Dal 1 gennaio tutta gestione di tutte le pratiche edilizie sarà digitale. Stop alla produzione di carta e faldoni, code e tempi di attesa per presentare la documentazione ma anche risparmio, tracciabilità, trasparenza e sostenibilità ambientale: permesso di costruire, segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) o altre tipologie di pratiche edilizie dovranno essere presentati tutti in formato digitale attraverso il “Portale Suedi” (Sportello Unico per l’Edilizia Digitale Italiano). Il nuovo servizio, attivato dal Comune di Pietrasanta, sarà illustrato via videoconferenza YouTube agli iscritti di ordini e collegi (geometri, ingegneri, architetti, geologici etc) mercoledì 30 dicembre alle ore 10.30. L’iscrizione al portale sarà gratuita. “Semplificare e digitalizzare sono obiettivi dichiarati della nostra azione amministrativa insieme ad impegni che abbiamo preso con ordini e collegi. – spiega il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti – Facciamo un altro passo importante verso iter più snelli, rapidi e trasparenti. Un particolare aspetto che mi preme evidenziare è che lo Sportello Digitale consentirà all’utente di consultare in tempo reale lo stato delle pratiche presentate. E’ un bel passo in avanti per cui ringrazio gli uffici ed in particolare il dirigente Valentina Maggi, il funzionario Lucia Flosi Cheli e l’amministrativa Piera Barberi. Il 2021 inizia nel segno della digitalizzazione”.

La digitalizzazione delle procedure amministrative – si legge nella premessa – è l’elemento trainante per fornire servizi più celeri ed efficaci alla cittadinanza e le amministrazioni comunali, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, hanno il dovere di provvedere a costituire uno Sportello Unico per l’Edilizia che provveda a curare tutti i rapporti tra il privato (cittadini/imprese), l’amministrazione stessa e, ove occorra, le altre amministrazioni tenute a pronunciarsi in ordine all’intervento edilizio oggetto della richiesta di Permesso di Costruire, di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) o altre tipologie; di pratiche edilizie. “Una richiesta di Scia – spiega Paolo Bigi, presidente della commissione urbanistica – richieste una produzione tra i 25 ed i 30 documenti e relativo invio a mano. Dal 1 gennaio, questa pratica, e così le altre, saranno dematerializzate. I vantaggio sono notevoli per i professionisti e per i cittadini. Le pratiche possono essere gestite da casa o dall’ufficio senza dover recarsi più al Suap. Sarà tutto molto più facile, immediato e funzionale”.

Lo Sportello Unico per l’Edilizia Digitale Italiano è realizzato per semplificare le relazioni tra Pubblica Amministrazione, Professionisti e Cittadini e consentirà la presentazione digitale di un’istanza da parte del Professionista, la gestione completa della pratica da parte del Comune aumentando di fatto la trasparenza delle informazioni. Ed ancora di avere un valido e semplice strumento di consultazione on-line per poter essere fruito dai Professionisti e dai Cittadini al fine di conoscere tutte le informazioni sullo stato delle pratiche presentate ed un rapporto interlocutorio tra pubblico e privato, per una reale semplificazione e sburocratizzazione nella gestione delle pratiche e comunicazioni. Lo Sportello entrerà in funzione dal 1 gennaio 2021. Da quel momento tutte le pratiche edilizie saranno esclusivamente presentate on line utilizzando la piattaforma digitale.

Il portale sarà raggiungibile dal sito istituzionale dell’ente, attraverso il link “SUEDI – sportello unico edilizia digitale italiano (www.suedi.cloud/pietrasanta).

I singoli professionisti usufruiranno in modo completamente gratuito del servizio, attraverso una semplice registrazione on line sulla piattaforma. Potranno utilizzare la modulistica scaricabile dal portale nonché a prendere visione delle istruzioni e le dotazioni necessarie per l’utilizzo del nuovo strumento telematico.

(Visitato 108 volte, 2 visite oggi)

La libreria Tonacchera dona centinaia di volumi alla biblioteca comunale

Emergenza Sanitaria: buoni spesa per 672 nuclei, in due sessioni distribuiti 254 mila euro di aiuti per acquistare beni di prima necessità