Anche a Viareggio e Camaiore è pervenuto il kit di Bocce fornito da Federbocce Toscana. I Centri Diurni gestiti dalla Cooperativa Sociale Crea, ovvero Capannone, Cimbilium e Insieme, hanno ricevuto il materiale da gioco e hanno così potuto far giocare i loro ospiti. Da anni molti dei ragazzi e ragazze della Crea sono tesserati per la Bocciofila Migliarina di Viareggio, dove possono giocare ed esercitarsi. Fondamentale è l’accoglienza della società, dove alcuni soci si dedicano a insegnare loro il gioco. “Da tempo i nostri ragazzi con disabilità intellettivo relazionale ci chiedono quando potranno ricominciare a giocare a bocce” dice la responsabile del centro Capannone Silvia Panzera. “Ora finalmente si può grazie all’attenzione della Federazione Bocce Toscana che ci ha fatto pervenire questo kit e ci ha spiegato come esercitare i ragazzi con giochi validi sotto il profilo sia sociale che di crescita sportiva” affermano Fabrizio Franceschi dell’Insieme e Barbara Candella del Cimbilium. In tutti e tre i centri tutti hanno preso parte al gioco, grazie alla disponibilità e al coinvolgimento degli operatori; al Capannone e al Cimbilium si è giocato in ambienti chiusi, all’Insieme in giardino all’aperto sotto un tiepido sole che ha riscaldato i paralimpici intenti in accosti e bocciate. Il legame delle bocce paralimpiche col territorio è testimoniato dalla presenza del socio della Migliarina Pino Armano che, non potendo entrare nei centri per le stringenti normative anti-Covid, ha supportato i “suoi” ragazzi assistendo al gioco dalle vetrate. In collegamento video c’erano il Presidente di Federbocce Toscana Giancarlo Gosti, il Consigliere delegato all’attività paralimpica Armando Martini, e il tecnico referente dell’iniziativa Claudio Costagli, che commenta: “Anche in Versilia entusiasta e convinta è stata l’adesione al nostro progetto di portare le bocce nei luoghi della disabilità in un periodo che limita molto la possibilità di fare attività. La Cooperativa Crea ha compreso il valore della disciplina e ha dato la possibilità ai suoi ospiti di proseguire in questa forma un’iniziativa che da tanti anni svolge con la Bocciofila Migliarina”. All’orizzonte ci sono i Campionati Regionali Paralimpici, che ancora non possono essere realizzati. “Saranno la conclusione di questo percorso – dichiara Gosti – nel frattempo è un piacere vedere come il gioco faccia bene e coinvolga queste realtà”. 

(Visitato 125 volte, 1 visite oggi)
TAG:
bocce paralimpiche viareggio

ultimo aggiornamento: 01-01-2021


La solidarietà più forte dell’emergenza, dal corso di fotografia i soldi per una carrozzina elettrica

Niels Torre della Sc Viareggio nel gruppo olimpico di canottaggio