“Atteggiamento tipico della sinistra a partire dal sedicente ministro del Turismo Franceschini: incompetenza e totale mancanza di buonsenso”. Così Riccardo Zucconi, deputato di Fratelli d’Italia, commenta la decisione di far slittare l’avvio del Carnevale di Viareggio (Lucca) per la seconda metà di settembre. Una decisione già ieri contestate dalle principali categorie e associazioni economiche della città.

“Avevamo più volte spiegato – scrive Zucconi in una nota – le ragioni precise e di buon senso per le quali il Carnevale di Viareggio non avrebbe dovuto cominciare all’inizio del mese di settembre. Veniamo a sapere che la Fondazione ha fatto un piccolo spostamento, dovuto al fatto di essere stata messa sotto pressione dalle associazioni di categoria e dalle proteste di Fratelli d’Italia, ma è uno spostamento che andrà comunque a penalizzare inutilmente alberghi, stabilimenti balneari, esercenti della passeggiata, ristoranti e negozianti solamente per un punto preso. Non si vuole capire che qualsiasi giorno lavorativo in più sarebbe importante, visto che il comparto turistico è già stato duramente colpito dalla pandemia e si rischia la chiusura di centinaia di aziende anche a Viareggio. Il Carnevale sarebbe dovuto iniziare a fine settembre o a inizio ottobre: la manifestazione avrebbe giustamente avuto luogo e le categorie non sarebbero state penalizzate. Ma questo d’altronde è il tipico atteggiamento ottuso della sinistra – conclude il deputato Fdi – che a partire dal sedicente Ministro del Turismo Franceschini sforna a profusione personaggi incompetenti con totale mancanza di buonsenso. Il sindaco incontri le categorie e le ascolti anche per tutelare migliaia di lavoratori di quelle aziende che con l’allungamento della stagione sarebbero più tutelati”.

(Visitato 167 volte, 1 visite oggi)
TAG:
carnevale riccardo zucconi viareggio

ultimo aggiornamento: 05-01-2021


Carnevale, le categorie dicono no alla scelta di iniziare a metà settembre

La Rai racconta il Carnevale di Viareggio