MASSAROSA. I carabinieri della stazione di Massarosa, dopo una breve attività d’indagine avviata a seguito della rapina avvenuta lo scorso 9 gennaio a Piano di Mommio ai danni di una donna che stava parcheggiando la propria auto davanti alla farmacia, sono risaliti all’identità del terzo complice che, la sera del fatto, era riuscito a dileguarsi.
Si tratta di Un giovane di 20 anni, già noto alle forze di polizia.
Nei suoi confronti, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Lucca, su richiesta del Pubblico Ministero titolare dell’indagine, condividendo a pieno le risultanze investigative fornite dai militari ha deciso la custodia cautelare in carcere.
I militari dell’Arma, infatti, la sera della rapina avevano arrestato in flagranza due soggetti mentre un terzo si era dileguato facendo perdere le proprie tracce. Le successive ed immediate indagini hanno consentito di identificare il fuggitivo e di addebitargli i reati di rapina aggravata in concorso con l’aggravante ulteriore della recidiva reiterata e specifica nel quinquennio. I carabinieri dunque, dopo alcuni giorni di ricerche, hanno individuato il soggetto e, in ottemperanza al provvedimento cautelare emesso dall’Autorità Giudiziaria lucchese, nella giornata di mercoledì 20 gennaio lo hanno arrestato e condotto in carcere.

(Visitato 832 volte, 1 visite oggi)
TAG:
arresti carabinieri rapina

ultimo aggiornamento: 21-01-2021


Tragedia a Massarosa, muore travolto da auto mentre attraversa la strada

Aggredisce a pugni carabinieri e guardia giurata all’ingresso del supermercato