PIETRASANTA. “Le imprese sono state danneggiate due volte. La prima dalla pandemia, la seconda dai tempi con cui sono comunicati ogni volta i cambi di colore delle regioni. I ristoranti hanno saputo che non avrebbero potuto aprire solo poche ore fa quando avevano fatto spese e acquistato quanto necessario per il pranzo di San Valentino che registrava, anche nella nostra città, il tutto esaurito nei ristoranti. Il San Valentino è un momento dell’anno che vale molto in termini di incassi e che avrebbe sicuramente portato un po’ di ossigeno. Una domenica di incassi come quella di San Valentino vale molto di più dei ristori del Governo. Ai miei ristoratori, e alle attività commerciali e turistiche, va tutta la nostra vicinanza e il nostro sostegno”: è il commento del sindaco di Pietrasanta (Lu), Alberto Stefano Giovannetti dopo l’ufficialità del ritorno della Toscana in zona arancione e delle conseguenti restrizioni. La Piccola Atene è tra l’altro protagonista dell’evento “Pietrasanta Love Is” dedicato a tutti gli innamorati a sostegno proprio delle attività commerciali e dei ristoratori. “Siamo nuovamente entrati in una fase pandemica che impone prudenza e nuovi sacrifici. – spiega il primo cittadino – Resta però il fatto che deve essere rivisto il meccanismo con cui viene comunicato il cambiamento di colore delle regioni, con relative restrizioni, per consentire alle imprese di organizzarsi e di non essere ulteriormente danneggiate. Da sindaco chiedo al Governo e al Ministero della Salute di migliorare i tempi di comunicazione di eventuali cambi di colore”.

(Visitato 490 volte, 1 visite oggi)
TAG:
commercio covid-19 imprese Zona arancione

ultimo aggiornamento: 13-02-2021


Sicurezza: nuova fognatura in via Tolmino, in corso intervento anti-allagamento a Motrone

Sicurezza e decoro nei parchi, piano da 100.000 euro