“Mi spaventa più la depressione che la violenza. Temo più la chiusura dei giovani in casa, la disperazione esistenziale e i suicidi di qualche tafferuglio”. A dirlo a LaPresse è monsignor Paolo Giulietti, arcivescovo della diocesi di Lucca, commentando la situazione pandemica e le proteste di Roma sfociate in violenza. “È vero che questa pandemia sta creando forti tensioni sociali che, abbiamo visto, sfociano anche in violenza. Ma quello che temo di più – dice monsignor Giulietti – è questa silenziosa malattia dello spirito che si insinua nelle persone, specie tra i più giovani. Costretti a casa, senza relazioni sociali, senza sport. La protesta sfociata in tafferugli può essere risolta, e spero il governo lo faccia. Ma un ragazzo che lascia gli studi, o che cade in depressione, non lo recuperi in qualche mese con qualche stanziamento di fondi. Servono anni, sempre che bastino”.

Articolo su Lapresse.it: https://www.lapresse.it/ultima-ora/2021/04/13/covid-arcivescovo-lucca-temo-piu-depressione-e-suicidi-che-violenza-di-piazza/

(Visitato 109 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Slider

ultimo aggiornamento: 13-04-2021


Coluccini minaccia querele a chi contesta il dissesto

Mac Design si aggiudica l’If Design Award 2021