Appuntamento con la storia e con il sentimento venerdì 4 giugno alla rassegna L’altra Villa, di Villa Bertelli a Forte dei Marmi, dove nel Giardino dei lecci alle 18.00 la scrittrice Manuela Piemonte presenta il libro Le amazzoni per Rizzoli Editore.

L’evento è a corredo della mostra I giovani sotto il fascismo. Il progetto educativo di un dittatore, dal momento che è ambientata nella colonia marina Edoardo Agnelli, ex Torre Balilla a Marina di Massa, diciassette piani per cinquantadue metri di altezza, dove negli anni Quaranta soggiornarono, a scaglioni, per le vacanze estive circa 13.000 bambini fra i 4 e i 14 anni, figli di italiani impiegati in Libia e inseriti nel rigido programma organizzato per loro dal regime.

Nella Libia dominata dagli italiani, Sara e Angela, nove e sette anni, nel 1940, sono costrette a partire con la sorella minore Margherita per il campo estivo.  Tre mesi in Italia insieme a bambini come loro, lì per imparare la disciplina e i doveri di ogni buon fascista. Ma appena un giorno dopo il loro sbarco, Mussolini pronuncia la dichiarazione di guerra e la vacanza in Toscana di un’estate si trasforma in una prigionia infinita. Le tre sorelle crescono indossando una divisa, la testa rasata, piccole operaie della dittatura, in balia di regole inflessibili della propaganda e di un mondo senza più genitori, che riusciranno a rivedere solo a guerra finita.

Il fascismo dette grande impulso alle colonie, costruendone di nuove e destinandole a scopi politici e sociali, come il risanamento della razza con bambini forti e destinati a diventare disciplinati soldati.  Manuela Piemonte presenta un romanzo fatto di vite spezzate, crescite fulminee e bambine che sono, a modo loro, delle amazzoni, riportando alla luce un pezzo di Storia dimenticato. Conduce Alessandra Cenci Campani dell’ass. L’sola di Calipso. Necessaria prenotazione: 0584 787251

(Visitato 20 volte, 1 visite oggi)

Nuova Scuola Primaria Forte dei Marmi, approvato dalla giunta il progetto di fattibilità

La Spezia riparte con “Le Vele d’Epoca nel Golfo”, al via la terza edizione