I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Bagni di Lucca, operanti in Media Valle, hanno individuato e denunciato  un bracconiere che, nelle campagne intorno al paese di Vitiana, ai margini del bosco, svolgeva, sprovvisto di licenza di caccia, un’attività illecita di cattura di fauna selvatica utilizzando gabbie a scatto, di cui una di notevoli dimensioni, adatta alla cattura di animali di grossa taglia.

Il foraggiamento con mais, pasta, pane e frutta, invitava i malcapitati animali ad avvicinarsi e quindi ad entrare nelle trappole; una volta catturati, è emerso che il bracconiere li uccideva con una potente scarica elettrica, ingegnoso metodo per evitare qualsiasi rumore che attraesse l’attenzione, come quello causato da un colpo di arma da fuoco.

Tutte le trappole rinvenute sul posto sono state disattivate, sigillate e sottoposte a sequestro, così come tutti i mezzi di caccia utilizzati illegalmente e la materia prima utilizzata per la pasturazione degli animali. L’uomo è stato denunciato ai sensi del Codice Penale per tentato furto venatorio in quanto sprovvisto di licenza di caccia, per caccia con mezzi vietati ai sensi della normativa sulla caccia e per il foraggiamento di fauna selvatica espressamente vietato da una legge recentemente varata.

Pratiche di caccia con metodi e strumenti contrari alla legge, cattura di specie protette, caccia in periodi o orari non consentiti o in aree di particolare pregio ambientale sono purtroppo molto diffuse. Il bracconaggio in Italia è legato a radici socio-culturali che in molti casi sono ancora difficili da scardinare. Trattasi di condotte che oltre ad essere dannosa per tante specie animali possono rivelarsi oltremodo pericolose per le persone. Fondamentale risulta pertanto l’attività di controllo alla quale i Carabinieri Forestale dedicano costante impegno.

(Visitato 262 volte, 1 visite oggi)

Camihawke incontra i fan a Lucca sabato 12 giugno al cinema Astra

“Libri al mare”, la rassegna di Lettera22