Il Museo Ugo Guidi – MUG di Forte dei Marmi realizza il 163moevento d’arte presentando l’esposizione dell’artista Antonella Iris De Pascale dal titolo “Trasformazioni in viaggio”.

La mostra, con presentazione critica di Lodovico Gierut sarà inaugurata al Museo Ugo Guidi sabato 26 giugno 2021 alle ore 18. In concomitanza della mostra viene presentato anche il catalogo delle opere dell’artista Antonella Iris De Pascale curato dallo stesso Gierut con contributo di Marilena Cheli Tomei.

Presentazione in anteprima nazionale del nuovo progetto Ceramiche d’autore: “Dettaglio di Ritratto di donna negata “di Antonella Iris de Pascale su la “Ceramica di Montefusco”,

la maiolica Montefuscana è tra le più antiche tradizioni di ceramiche campane è di impostazione barocca con forti influssi arabo- islamici. Oggi il laboratorio “Ceramica di Montefusco” si incontra con l’artista Antonella Iris de Pascale, con la quale condivide la passione per le culture mediterranee, le ceramiche diventano tele che ripropongono le suggestive immagini dell’artista costituendo allo stesso tempo preziosi oggetti di arredo.

La mostra ha la partnership della Medina Art Gallery Roma.

Parte delle opere saranno esposte al I H Logos Hotel, via Mazzini 153, Forte dei Marmi che sarà visitato dopo l’inaugurazione e dove nel salone l’artista Antonella Iris de Pascale, leggerà la poetica di alcuni suoi quadri e le immagini verranno trasformate in musica dalla prof.ssa Graziella Maccioni che dialogherà al piano con l’artista, su libera ispirazione, trasformando le immagini in suoni.

L’esposizione al MUG sarà visitabile fino al 9 luglio 2021 su appuntamento al telefono 348-3020538 o  [email protected]. Mentre al I H Logos Hotel sarà sempre visitabile dalle 10 alle 23 tutti i giorni con ingresso libero. Tutto nel rispetto delle norme anticovid.

(Visitato 22 volte, 1 visite oggi)

Alluvione Versilia-Garfagnana: mostra e tanti eventi per ricordare la tragedia e la ricostruzione dopo 25 anni

Cardoso e Seravezza inaugurano le installazioni di Gennifer Deri e Michele Pardini del progetto “Con-Tatto”