“La strage ferroviaria del 29 giugno 2009 è una ferita ancora aperta e dolorosa per la nostra comunità – afferma il Partito Democratico di Viareggio – A distanza di 12 anni nessuno di noi può dimenticare quella tragica notte in cui il deragliamento di un treno merci provocò l’esplosione di una cisterna di GPL e un incendio che si propagò in poco tempo dalla stazione alle case circostanti. Un terribile disastro in cui non solo è andata distrutta una parte della città ma hanno perso la vita 32 persone.  
 
Il PD non dimentica quel giorno e non dimentica i familiari delle vittime che per dodici anni hanno chiesto alla giustizia di individuare i responsabili di quella strage. E ci fa male pensare che questa ineludibile richiesta sia invece rimasta disattesa, dal momento che lo scorso gennaio sono stati dichiarati prescritti gli omicidi colposi per la strage di Viareggio, a seguito dell’esclusione dell’aggravante della violazione delle norme di sicurezza sul lavoro. Un’offesa alle vittime, ai loro parenti e a tutta la città.  
 
Per queste ragioni, il Partito Democratico il 29 giugno parteciperà al corteo in memoria delle vittime della strage di Viareggio, al fianco dei familiari, per chiedere che sia fatta giustizia e per pretendere non solo che la verità emerga ma anche che si continui a tenere alta l’attenzione sui temi della sicurezza ferroviaria affinché certe sciagure non si ripetano.”

(Visitato 64 volte, 1 visite oggi)

Villa Bertelli presenta Dante Fiorito, conversazione con Corrado Bologna

Bandiere a mezz’asta per la ricorrenza della strage ferroviaria di Viareggio. Le modifiche alla circolazione