Le settimane appena trascorse, fatte di incontri e di confronti tra le diverse forze politiche, i cittadini e diverse associazioni, hanno portato ad una base di coalizione da cui partire per costruire una proposta di governo da presentare agli elettori.

In un comunicato congiunto Partito Democratico, Movimento 5 Stelle e Articolo 1, forze che già hanno governato insieme a livello nazionale, comunicano che si presenteranno insieme e uniti a Massarosa.
A loro fianco si stanno costituendo liste civiche, di cui faranno parte persone della società civile massarosese con idee e sensibilità diverse, che hanno deciso dare un loro contributo alla ricostruzione del nostro comune. Donne e uomini disposti a mettersi in gioco a cui viene data la possibilità di farlo, senza pregiudizi o rigidi schemi ideologici.

La caduta dell’amministrazione Coluccini, dopo due anni che hanno distrutto il comune di Massarosa e il suo modello di servizi, ha segnato il fallimento storico delle destre, coinvolte fino in fondo in un’avventura sciagurata e rappresentata da personale politico inadeguato.
Adesso l’opinione pubblica si aspetta una proposta autorevole e affidabile, senza improvvisazione data la situazione drammatica in cui versa il comune. Una proposta che può essere costruita attorno ai temi e alle azioni portate avanti in questi anni in maniera vincente e convincente, azioni che hanno saputo sconfiggere un’esperienza condannata dagli atti e dalla gente.

Il percorso futuro dovrà vedere gli elementi di esperienza e quelli novità andare di pari passo senza riproporre vecchi schemi ma con una forte e convinta apertura alla società civile nelle sue varie declinazioni che in questi anni ha saputo sostenere al nostro fianco alcune battaglie contro il taglio di alcuni servizi.

La candidatura a sindaco dovrà essere individuata tra le figure che in questi anni hanno condotto la battaglia in prima linea, che ci hanno messo la faccia, dentro e fuori il consiglio comunale, che potrà garantire quel grado di conoscenza delle questioni amministrative necessaria e gestire vicende e dossier complessi.
Un nome che verrà fuori tra pochi giorni da un confronto obiettivo, tenuto conto di ciò che emerge dalla realtà, con i diversi soggetti che hanno deciso di gettare le fondamenta per dare un futuro e una speranza al comune di Massarosa. Da qui si parte.

Attorno a questa base di coalizione poi, nei prossimi giorni e nelle prossime settimane, continueremo a lavorare per allargare il fronte più possibile, progressista e riformatore, una coalizione fatta di forze politiche e dell’attiva partecipazione, come detto, della società civile, del mondo delle associazioni e delle professioni e di ogni altro contributo di idee e di persone che conoscono Massarosa e possono dare un supporto importante per la rinascita del nostro comune.

Per noi le porte restano aperte anche ad altri soggetti che si vorranno aggiungere al nostro percorso a partire da  Sinistra Comune, forza con la quale abbiamo governato per 10 anni e con la quale, per quanto ci riguarda, il confronto è ancora aperto. Ora però non c’è più tempo da perdere. Una proposta di governo di ricostruzione, che rilanci il modello Massarosa e riporti un clima di concordia in una comunità laboriosa e solidale.

(Visitato 179 volte, 1 visite oggi)

Mallegni in visita a Massarosa. Puccinelli: “Per il futuro mai più uomini soli al comando”

Movida selvaggia, ragazzo pestato dal branco finisce all’ospedale