Ora le cose da fare in Versilia si “esplorano” anche con un QR Code.

Ai cinque totem dislocati lungo la passeggiata di Lido di Camaiore, infatti, sono stati affissi i “simboli” quadrati che, attraverso la fotocamera del cellulare, indirizzano in pochi istanti alla pagina del sito inversilia.com dedicata alle “esperienze”.

“Puntiamo sull’interattività – sottolinea Carlo Alberto Carrai, presidente del Consorzio di Promozione Turistica della Versilia che da maggio offre agli ospiti del comprensorio l’opportunità di “cucirsi addosso” la vacanza perfetta – e su tutti quei mezzi che possono avvicinare in modo semplice e veloce chi presenta attività sul territorio e chi cerca qualcosa da fare, anche all’ultimo minuto”. Sono numerose (e in crescita) le proposte su questo catalogo multimediale: escursioni in montagna, visite guidate in parchi, musei e centri storici, degustazionisoggiorni immersi nella Natura, corsi di fotografia, lezioni di vela e tiro con l’arco, laboratori dedicati ai più piccoli. Da svolgere in Versilia ma anche nelle vicine Volterra, Pisa, San Miniato e Lucca, “perché la facilità di raggiungere tanti luoghi differenti – sottolinea Carrai – è un valore della nostra terra”.

La procedura di acquisto è semplice: le esperienze disponibili sono divise per categoria tematica; selezionandone una si leggono tutte le informazioni e si può prenotare, scegliendo il giorno preferito e indicando il numero dei partecipanti. Il pagamento è online con carta di credito attraverso i circuiti più utilizzati e sicuri e, a operazione conclusa, viene rilasciato un voucher di conferma da presentare all’operatore o nella struttura in cui si svolge l’esperienza acquistata. Chiunque, libero professionista o struttura turistica, fosse interessato a proporre un’attività da inserire sul portale come esperienza, può scrivere a [email protected]: un operatore del Consorzio sarà a disposizione per fornire informazioni e assistenza tecnica.

(Visitato 65 volte, 1 visite oggi)

Come si diventa croupier?

Festival Gaber, sabato 24 luglio Roberto Vecchioni racconta Dante a Sarzana