“Sul tema della sicurezza stradale abbiamo già pronto uno studio,  che potrà diventare un progetto operativo in poco tempo, dell’Università di Pisa per sistemare le viabilità che attraversa il nostro Comune, a partire dalla via Sarzanese e dalla via di Montramito. Col progetto pronto potremmo andare ad intercettare, nel giro di poco tempo, fondi del Pnrr o contributi regionali, per poter realizzare opere indispensabili al nostro territorio e che con le sole nostre finanze non potremmo mai realizzare. In termini di sicurezza lo studio non valuta solo le auto, ma anche pedoni e ciclisti, di cui le nostre strade abbondano: abbiamo in mente di restringere leggermente la carreggiata in alcuni punti delle viabilità principali, creando spazi per la sicurezza di chi percorre le nostre strade in bicicletta”.

Lo ha annunciato ieri sera durante il confronto pubblico coi candidati a sindaco, Carlo Bigongiari, candidato del centrodestra per le amministrative di Massarosa del 3 e 4 ottobre.

Un tema che sta a cuore anche a Elisa Olivi, candidata al consiglio comunale a sostegno di Bigongiari con la lista della Lega, che proprio su sicurezza e decoro urbano ha incentrato parte dei propri impegni con l’elettorato. “Assistiamo a troppi incidenti, anche molto gravi sulla via di Montramito. Da troppi anni – dice Olivi – vengono promesse soluzioni dalle varie amministrazioni: come portavoce della zona di Montramito sono convinta che Carlo Bigongiari abbia le capacità, le competenze e le idee per concretizzare le nostre richieste e realizzare il sogno di una strada più sicura in particolare per i nostri bambini e i nostri anziani. Questa area ha bisogno di essere valorizzata e sviluppata: sia come polo industriale che porti lavoro, sia come porta naturale al nostro Comune, e quindi come corridoio turistico tra la costa e le nostre colline. Insieme possiamo Fare Futuro”.

(Visitato 84 volte, 1 visite oggi)

Carlo Bigongiari: “La sicurezza di cittadini e strade sarà la nostra priorità”

Turismo, Garavaglia: “Con nuovo portale nazionale del turismo settore da 14 a 20% del Pil”