Villa Bertelli torna a rendere omaggio a Gabriele D’Annunzio con un incontro dedicato al suo primo, celeberrimo romanzo: Il piacere, scritto da D’Annunzio fra il luglio e il dicembre del 1888 e pubblicato nel 1889. L’evento, in programma per la rassegna L’altra Villa sabato 6 novembre alle 17.00 presso il Giardino d’Inverno della Villa a Forte dei Marmi, è promosso dall’Associazione Dannunziana e prevede la lettura di alcuni brani del libro a cura di Marco Rossi, cardiologo pisano e già acclamato ospite della Villa. L’interpretazione dei noti passi sarà intervallata da intermezzi musicali al violino, eseguiti da Linda Leccese, docente presso l’Accademia Musicale Toscana.

Il piacere fu un’opera di rotturarispetto alla tradizione narrativa italiana, tuttavia, ebbe un grande successo, nonostante lo scandalo e le polemiche per l’immoralismo del suo protagonista e segnò l’affermazione per la prima volta nel nostro Paese della cultura decadente. Non solo, fu il precursore del romanzo psicologico, ripreso dal modello di Paul Bourget, caposcuola di questo nuovo genere letterario.  La trama del libro è incentrata sulla figura di Andrea Sperelli Fieschi d’Ugenta, ultimo discendente di una nobile famiglia, poeta e acquafortista di raffinata sensibilità, esteta innamorato dell’arte e dedito alla ricerca del piacere.

La performance prevede la lettura del dell’inizio del libro Il ricordo -l’attesa- l’addio, a cui seguirà l’intermezzo sinfonico dalla Cavalleria Rusticana di P. Mascagni. Marco Rossi proseguirà la lettura con Il primo incontro fra Andrea Spinelli ed Elena Muti e la dichiarazione d’amore di Andrea, che farà da apripista per Méditation, Intermezzo sinfonico, tratto dall’opera Thaïs (secondo tema) di Jules Massenet. Quindi ci sarà Il ritratto di Andrea- il ritratto di Elena e subito dopo l’Intermezzo sinfonico dalla Manon Lescaut di G. Puccini, che anticiperà la lettura de La loro passione, seguita da Méditation, Intermezzo sinfonico tratto dall’opera Thaïs (primo tema) di Jules Massenet. E ancora, Il ritratto di Maria Ferres e la dichiarazione d’amore di Andrea, con Romantic Pieces, op 75 di Antonin Dvorak. Il drammatico epilogo dell’amore tra Andrea e Maria avvicinerà alla fine della rappresentazione con la

Sinfonia Spagnola, Composizione per violino e orchestra di Édouard Lalo. Infine, Marco Rossi concluderà l’incontro con le Ultime parole del libro. Ingresso libero. Necessari: prenotazione 0584 787251 green pass o test antigenico molecolare o rapido negativo, effettuato entro le 48 precedenti l’evento.

(Visitato 46 volte, 1 visite oggi)

Festival della salute: seconda giornata ricca di interventi a Viareggio

4 novembre 2021: Giornata Unità Nazionale e delle Forze Armate, a Strettoia 103° anniversario