«La recente pronuncia del Consiglio di Stato rappresenta un pericolo per l’economia italiana e come tale va affrontato. I risvolti che potrebbero scaturire dall’accoglimento di una certa linea sarebbero disastrosi e irreparabili non solo per tantissime piccole e medie imprese italiane, ma anche per l’economia stessa di territori, Enti locali e lo stesso Stato. E’ il momento delle soluzioni, di fare come altri Paesi che hanno legiferato e chiuso le porte alla svendita di interi comparti economici», a dichiararlo sono i consiglieri comunali della Lega di Viareggio, Alberto Pardini, Alessandro Santini, Walter Ferrari e Maria Pacchini.

«Negli ultimi giorni, soprattutto dagli appartenenti a una certa area partitica famosa per esser passata velocemente dallo spacciarsi come “apriscatole” all’essere il contenuto, stantio, delle stesse, non sono mancati commenti di giubilo per la vicenda – proseguono i consiglieri della Lega – bisognerebbe ricordare loro, come a tutti quelli che vedono di buon occhio la vicenda, che il comparto balneare così come è in Italia, e quindi prevalentemente piccole e medie imprese a carattere familiare, direttamente e indirettamente genera milioni di euro e migliaia di posti di lavoro: milioni che ricadono sui territori e lavoro che sostiene le famiglie del luogo. Il via libera alle aste, oltre al rischio di far diventare i nostri litorali appetibili per investimenti di dubbia moralità e legalità, comporterebbe un depauperamento di ricchezza insostenibile per ogni territorio, e molte famiglie lasciate sul lastrico con il rischio di non avere nemmeno indennizzi per gli investimenti di una vita. Non solo, questa operazione ci sembra essere il “cavallo di Troia” per la svendita di tantissimi altri comparti, a partire dalle concessioni interne ai porti fino ai chioschi».

«Non possiamo permettere in alcun modo che una peculiarità dell’economia e della tradizione italiana sia svenduta in questo, è quindi imprescindibile difendere questo importante comparto economico, insieme agli altri coinvolti, e per farlo servono unità e soluzioni immediate – concludono Pardini, Santini, Ferrari e Pacchini – abbiamo presentato una mozione urgente per il prossimo consiglio comunale affinché l’Amministrazione di Viareggio, dove il turismo balneare ha fatto la storia e la fortuna della Città, si attivi in tutti i dovuti luoghi istituzionali per una soluzione vera e definitiva alla vicenda che tuteli il nostro patrimonio balneare».

(Visitato 55 volte, 1 visite oggi)

Coronavirus: 430 nuovi casi, cinque i decessi

Filippo Ciucci candidato unico del Partito Democratico alla segreteria dell’Unione comunale