“Si perseguita a voler sostenere e finanziare un progetto devastante per l’ambiente. Un progetto che la città non vuole. Come Repubblica Viareggina, da sempre siamo stati contrari all’asse di penetrazione e lo vogliamo ribadire con forza. Assieme a molte altre forze politiche e sociali ma soprattutto assieme a tante e tanti cittadine e cittadini comuni siamo scesi in piazza il 4 settembre scorso contro un altro progetto scellerato, come è quello di far passare la ciclovia tirrenica dalla riserva naturale della Lecciona.

Quel giorno oltre 1500 persone hanno manifestato il loro disappunto sulle scelte ambientali di questa amministrazione. Purtroppo l’amministrazione sembra voler fare orecchi da mercante e perseguita sulla sua strada come mostra anche lo scempio di alberi avvenuto nella pineta di Levante e nel parco. Ci chiediamo se era davvero necessario abbattere così tanti alberi? E’ evidente che chi predilige il profitto ai beni comuni risponderà affermativamente ma chi come noi ritiene che serva una cultura ecosocialista si opporrà sempre a queste scelte che danneggiano la natura e il bene comune”.


Repubblica Viareggina

(Visitato 57 volte, 1 visite oggi)

Strage Viareggio: conservare con decoro il locomotore posto in deposito, mozione unanime

Violenza sulle donne, Bergamini: “Italia in prima fila per tutela ma occorre fare di più”