Spazi per nuove strutture turistiche e un doppio stop: alla trasformazione dei fondi commerciali in abitazioni e alla costruzione di residenze turistico alberghiere a Pietrasanta. Sono alcune delle disposizioni per il comparto dell’accoglienza contenute nei nuovi strumenti urbanistici adottati in consiglio comunale lo scorso 13 dicembre e che, lunedì mattina al Teatro Comunale, saranno presentati pubblicamente alla città.
“Oggi – spiega Paolo Bigi, presidente della commissione urbanistica – le strutture ricettive sul nostro territorio sono più di 100 per circa 2.600 camere e 5.700 posti letto, fra hotel, affittacamere, B&B, cav, residence e residenze turistico alberghiere. In condizioni di vita ‘normale’, portano a Pietrasanta 500 mila presenze l’anno, equamente suddivise fra turisti italiani e stranieri, creando lavoro per oltre 1600 addetti”. Senza dimenticare chi, sul territorio comunale, ha una casa per le vacanze. Tutti numeri che certificano, semmai ce ne fosse bisogno, l’importanza del comparto turistico per la città e tutta la Versilia e che “nella redazione del Piano Strutturale e Operativo – prosegue Bigi – hanno portato un’attenzione particolare verso chi investe e lavora in questo settore”.
Si individuano spazi per tre nuove strutture ricettive e il recupero, con finalità turistica, di alcuni fabbricati di valore, ormai in abbandono. Lo stop alla trasformazione dei fondi commerciali in unità abitative guarda, soprattutto, alla prima fascia a mare e un’altra novità importante è sulle Rta: “A Pietrasanta non si costruiranno più residenze turistico alberghiere”, sottolinea il presidente della commissione urbanistica. Che non manca di ricordare come sviluppo e riqualificazione di un territorio passino anche da un assetto funzionale della viabilità: “In questo contesto – aggiunge – va letta la realizzazione della rotatoria tra le via Tremaiola e Aurelia, finora oggetto di sterili raccolte firme ma che oggi entra concretamente nel futuro di Pietrasanta”.
Questi e altri aspetti saranno approfonditi nell’incontro di lunedì, trasmesso anche in streaming sulla pagina Facebook ufficiale del Comune, che darà occasione agli interessati di porgere domande anche “a distanza”, attraverso il numero telefonico 391 4886817. Ai quesiti raccolti, sia in sala, sia telefonicamente, sarà dedicata l’ultima parte dell’incontro.
“Fino al 7 marzo – ricorda il sindaco, Alberto Stefano Giovannetti – si potranno presentare osservazioni ai documenti adottati che sono già consultabili sul sito internet del Comune e che, da lunedì e fino al 31 gennaio, lo saranno anche offline, nel Chiostro del complesso di Sant’Agostino. Un momento di confronto fondamentale a cui invitiamo i cittadini, le associazioni e gli esponenti di categorie professionali ed economiche”.

(Visitato 57 volte, 1 visite oggi)

Avviso di sospensione idrica programmata a Tonfano martedì 25 gennaio 2022

La Shoah nel ricordo dei bambini