Querela contro ignoti per lesioni personali colpose. È quella presentata ieri in procura a Lucca dalla famiglia di Irene Cervelli, 41enne di Capannori, che lo scorso 3 giugno è stata colpita da un ictus, otto giorni dopo la somministrazione del vaccino AstraZeneca.

La notizia, resa nota dall’avvocato della famiglia, è riportata dalla stampa locale. La 41enne, che ha riportato danni neurologici per i quali è necessario il percorso riabilitativo, è tornata a casa dopo essere stata ricoverata prima a Cisanello, e poi all’ospedale Versilia a Lido di Camaiore. La 41enne è stata dimessa ieri dal nosocomio in Versilia, dove aveva avviato un percorso neuro-riabilitativo, non appena si era risvegliata dal coma in cui versava.

“L’ictus da trombosi verificatosi il 3 giugno successivamente alla somministrazione del vaccino Astrazeneca – scrive il legale – ha provocato nella signora Cervelli danni neurologici consistenti che ad oggi non le permettono di essere autosufficiente”. La querela contro ignoti ipotizza il reato di lesioni personali colpose.

(Visitato 326 volte, 1 visite oggi)

Coronavirus: 10.535 nuovi positivi, età media 36 anni. I decessi sono 42

Coronavirus, 12.357 nuovi positivi, età media 34 anni. I decessi sono 20