Un camionista di 64 anni, residente a Forte dei Marmi, a seguito di un controllo di polizia stradale è stato denunciato dalla polizia municipale di Seravezza. Nello svolgimento del servizio di controllo sul rispetto delle modalità di trasporto da parte dei mezzi pesanti, con particolare riferimento ai sovraccarichi ed alla sistemazione dei carichi sui veicoli, gli agenti avevano fermato in località Corvaia un autocarro, proveniente da una cava della zona, in quanto a prima vista la quantità di carico appariva eccedente rispetto al consentito.

In un primo momento il conducente accostava ma poi, alla richiesta di esibire i documenti, riprendeva improvvisamente la marcia senza curarsi della presenza di uno degli agenti, che solo grazie alla propria prontezza è riuscito a scansarsi per non essere investito.

La pattuglia si è quindi messa all’inseguimento del mezzo pesante, fermandolo nuovamente sulla via Aurelia a Pietrasanta ma, nuovamente, il conducente rifiutava di consegnare i documenti e ripartiva bruscamente per poi, come se nulla fosse, andare a scaricare presso un’azienda del posto. Anche grazie all’intervento di due pattuglie della polizia municipale di Pietrasanta, il conducente veniva alla fine identificato.

Nella circostanza veniva confermato che, come intuito dagli agenti, in effetti il veicolo si era trovato in sovraccarico di oltre 5 tonnellate, per cui nei suoi confronti sono state elevate le sanzioni previste dal codice della strada. Il conducente è stato quindi denunciato per resistenza e minaccia a pubblico ufficiale nonché per il rifiuto di esibire i documenti.

(Visitato 1.205 volte, 1 visite oggi)

Giorno della memoria: Massarosa propone la cittadinanza a Liliana Segre

Terremoto di magnitudo 3.8 a Viareggio