Il Partito Democratico di Viareggio e il gruppo consiliare nella sua interezza ritengono opportuno chiarire la loro posizione, in seguito alle ricostruzioni uscite in questi giorni sulla stampa in merito a possibili distanze o frizioni con il Sindaco.

Il Partito Democratico di Viareggio non ha tra le sue iniziative quella di intraprendere azioni di rottura all’interno dell’amministrazione. “Come vi è già stato modo di comunicare – dichiarano gli esponenti PD – la nostra azione politica all’interno del Comune di Viareggio vuole essere leale ed in continuità con il progetto politico che è stato intrapreso prima delle amministrative del 2020.

Il Partito Democratico valuta in modo positivo, infatti, l’azione amministrativa del sindaco, della Vicesindaco e della giunta ed ha la volontà di continuare a portare all’interno delle politiche cittadine ciò che corrisponde alla propria identità senza mettere in discussione l’appartenenza o meno a questa maggioranza. La dialettica politica non ha mai la funzione di ostacolare l’azione amministrativa ma di discutere all’interno delle logiche di maggioranza le strade più corrette da percorrere nell’unico interesse della città e dei suoi cittadini.”

Il Partito Democratico di Viareggio, infatti, non ha ricevuto comunicazioni formali o informali relative a possibili cambiamenti nella giunta che possano interessare anche la vicesindaco. “Riteniamo di grande valore ed importanza il lavoro della nostra esponente in giunta – proseguono – anch’essa ispirata da lealtà e competenza.

“Se le ipotesi di una sua revoca dovessero concretizzarsi, sarebbe iniziativa del Sindaco una rottura con il Partito che, invece, è interessato a mantenere saldo il rapporto di fiducia e di collaborazione”.

“Le illazioni che si susseguono in questi giorni, le reputiamo tali, in quanto il Sindaco non ci ha comunicato formalmente quelle che sarebbero le sue intenzioni ed i motivi che potrebbero innescare una rottura nei nostri confronti. Questo scenario non dipenderebbe dalle nostre azioni quanto, eventualmente, da sue scelte che ci sembrerebbero strumentali a giustificare altre azioni che ci vedrebbero in ogni caso contrari”.

“Dopo molte allusioni – concludono gli esponenti del PD – che non hanno mai corrisposto ad un’ufficiale dichiarazione rispetto alla volontà di Giorgio Del Ghingaro di lasciare la città di Viareggio per approdare nel contesto lucchese reputiamo come partito necessaria ed opportuna una smentita da parte del Sindaco che ci consenta di proseguire insieme e con serenità il lavoro e gli obiettivi che ci siamo posti nell’interesse della città di Viareggio.”

(Visitato 283 volte, 1 visite oggi)

Carnevale di Viareggio, tutto pronto per il terzo corso mascherato

Del Ghingaro licenzia Federica Maineri