Dopo il congresso nazionale del 19 e 20 febbraio Azione si sta strutturando anche a Viareggio.
Un partito che a distanza di pochi giorni dalla chiusura della fase congressuale nazionale, in provincia conta già oltre 400 iscritti, sintomo che c’è voglia di un’alternativa alla deriva populista e massimalista che siamo stati costretti a subire in questi ultimi anni.
Situazione che sta determinando una vera e propria crisi della democrazia con la maggioranza dei cittadini che non vota più.

Serietà, verità, pragmatismo e proposta. Questi sono i principi sulla quale si basa la nostra passione per la politica vista come capacità di amministrare.

Per questo motivo – dichiara Azione Versilia – valutiamo molto positivamente l’operato di Giorgio del Ghingaro per la città, sia nella sua prima fase di risanamento, che in questo secondo mandato nel quale si sta concretizzando una visione per la Viareggio del futuro. Amministrare significa fare scelte e a nostro avviso la Viareggio di oggi non è la Viareggio di 7 anni fa.

Una città finanziariamente sana, con grandi opere realizzate, molti progetti in cantiere e un piano di investimenti da oltre 30 milioni di euro per Viareggio e Torre del Lago

Non abbiamo rappresentanti in consiglio comunale, Azione – con la sua proposta riformista – non era ancora nata.
Se fossimo però stati presenti nell’ultima campagna elettorale, il nostro posizionamento sarebbe stato sicuramente a fianco del sindaco e per questo chiediamo alle forze politiche di non far prevalere personalismi che danneggino l’azione amministrativa.

(Visitato 107 volte, 1 visite oggi)

Maggioranza Viareggio: “Auspicio che venga mantenuto l’indirizzo nostro e del PD”

Partito Democratico di Viareggio, che il Comune ritorni quanto prima ad essere parte del Sistema Museale Territoriale