Per Massarosa: “Abbiamo sollevato il problema, ma dall’amministrazione nessuna risposta”

Le hanno rubato la bicicletta, mentre era al lavoro, entrando addirittura all’interno del cancello della scuola mentre i ragazzi erano a lezione. Sfortunata protagonista della vicenda è Marzia Lucchesi, consigliera comunale a Massarosa e maestra della primaria di Quiesa. Il fatto è accaduto ieri pomeriggio. “Ero a fare lezione con i ragazzi – racconta – quando un giovane ha aperto il cancello della scuola e ha rubato la mia bicicletta. Se ne è accorto il bidello, che lo ha visto aprire e inforcare la bici: ha provato a rincorrerlo, ma invano”. Lucchesi ha vissuto l’esperienza come il tipico danno dopo la beffa. Proprio nei giorni scorsi infatti aveva protocollato una interrogazione sul tema sicurezza a Massarosa, interrogazione a cui l’amministrazione della sindaca Barsotti non ha voluto rispondere, rinviando ad altra seduta la discussione. “Mi è stato fatto presente – dice Lucchesi – che per discutere l’interrogazione avevano ancora del tempo. E’ vero, il regolamento lo prevede. Peccato che i ladri invece non aspettano, continuano imperterriti a fare il loro ‘mestiere’. Massarosa è sempre meno sicura ma questa amministrazione sembra non essere sensibile al tema. Ieri ho avvisato del furto i carabinieri, oggi andrò a sporgere formale denuncia. Al furto si aggiunge la gravità della situazione: il ladro è entrato a scuola mentre questa era aperta, mentre c’erano i nostri figli a fare lezione, questo non è tollerabile”.

L’interrogazione, firmata da entrambi i consiglieri della lista ‘Per Massarosa’, Pietro Bertolaccini e Marzia Lucchesi, in premessa sottolinea come “in diverse frazioni del Comune si sono verificati furti ai danni di cittadini privati e di aziende”. In particolare i due consiglieri di minoranza segnalano “quelli accaduti a Piano del Quercione nell’abitazione di una anziana signora, a Massaciuccoli, dove sono stati rubati attrezzi da lavoro nuovi e professionali, di un certo valore, e dove ci sono stati danni conseguenti all’intrusione”. E ancora i furti registrati “a Montramito, ai danni di aziende nella zona in via delle Cannelle”. Proprio Marzia Lucchesi, tra l’altro, qualche anno fa era stata promotrice di una “manifestazione di liberi cittadini che segnalava l’emergenza sicurezza – ricorda la stessa consigliera – che si era venuta a creare nel nostro comune”. A seguito della manifestazione lei stessa, assieme ad altri cittadini del Comune, erano andati al Commissariato di polizia a Viareggio apprendendo che “il nostro Comune – afferma – ha diritto a una pattuglia di polizia”. 

L’interrogazione, che per ora non è stata oggetto di discussione, ricorda quindi che “attualmente i furti sembrano diventare sempre più reiterati, sia di giorno che di notte” e infatti, a poche ore dal rifiuto di discuterla, si è verificato questo ennesimo furto all’interno di un plesso scolastico. “Chiediamo al sindaco – concludono Bertolaccini e Lucchesi nel testo da loro presentato – se sia a conoscenza dei fatti accaduti nel Comune, se intenda avvalersi del pattugliamento che ci spetta in ausilio al nostro corpo di vigili ridotto ai minimi termini e come intenda agire affinché la situazione non si aggravi ulteriormente”. Un tema che non è certo solo politico, visto che va a toccare la vita quotidiana e la tranquillità di tanti cittadini, costretti a convivere con la paura dei furti in casa, e di tante aziende che hanno già pagato in prima persona l’escalation di atti criminali di questo tipo. 

(Visitato 641 volte, 1 visite oggi)

Per Massarosa: “Solidarietà a Michela Dell’Innocenti per lettera con minacce”

La cittadinanza onoraria di Massarosa a Liliana Segre