“Dal 2011, anno in cui fu introdotta l’imposta di soggiorno, al 2017, anno in cui Buratti lasciò il Comune di Forte dei Marmi, la politica del “regalare ciò che non è tuo”, ampiamente utilizzata dall’allora sindaco Buratti, ha prodotto ai nostri concittadini un mancato incasso di 3 milioni di euro circa”. Così Bruno Murzi, sindaco di Forte dei Marmi e candidato sindaco per Noi del Forte, replica alle parole dell’onorevole Buratti che ha affermato ‘se vinco io la tassa non la metterò mai’. 

“Questi dati – spiega Murzi – si evincono guardando gli incassi annui derivanti dalla imposta di soggiorno di comuni a noi limitrofi, come Pietrasanta (circa 511.000) e Viareggio (circa 1.100.000 euro). Le contraddizioni in cui cade la posizione di Buratti diventano ancora piu’ evidenti quando si consideri che i fondi che si potevano incassare potevano essere  investiti sul turismo, cultura , sicurezza e avrebbero consentito di liberare risorse utilizzabili per altri beni e servizi necessari, come ad esempio tenere aperto l’asilo Madre Maria, evitare la sceneggiata di mettere in affitto gli spazi della biblioteca comunale , aiutare famiglie in difficoltà, spendere per migliorare turisticamente il comune e molto altro”.

La lista Noi del Forte ha le idee chiare in tal senso
. “Noi – prosegue Murzi – abbiamo intenzione di introdurla. Se fino ad adesso non lo abbiamo fatto non è certo perché siamo impauriti dalla prossima tornata elettorale: noi lo faremo se vinceremo le elezioni. Ci siamo semplicemente fermati perché la situazione pandemica prima, e la guerra poi, sconsigliano di adottarla sul momento gravando organizzativamente sulle imprese turistiche”. Si tratta, del resto, di una imposta che non colpisce in alcun modo la comunità di Forte dei Marmi, che anzi ne avrebbe solo giovamento. “Solo Buratti – prosegue Murzi – può ritenere che la clientela che ricerca una camera che in media costa tra i 300 ed gli 800 euro, con picchi di 1000, possa essere scoraggiata dalla imposta di soggiorno di 4 euro”.

“Buratti va dicendo che lui a suo tempo non potè fare opere pubbliche perché era privo dei soldi necessari e per capitalizzare ha venduto una molteplicità di terreni comunali senza alcun reale ritorno… eppure in  6 anni avrebbe potuto incassare 3 milioni di euro a tutto vantaggio della comunità, mentre ha preferito regalarli. A questo punto mi chiedo: come si comporterebbe – conclude Murzi – se con l’imposta di soggiorno si potranno assumere altri agenti della municipale per l’estate? Su questa opportunità la mia amministrazione, assieme ai comuni turistici italiani più importanti, sta lavorando duramente. Se vincerà Buratti questa opportunità svanirà nel nulla? Continuerà a dire che quei soldi non si incassano? E per quale motivo, visto che siamo uno dei pochi comuni in tutta la costa toscana a non avere imposta di soggiorno?”.

(Visitato 97 volte, 1 visite oggi)

Lista Noi del Forte organizza sabato 16 aprile un gazebo informativo per incontrare la cittadinanza

Ecco come sarà la nuova scuola di Forte dei Marmi