Sarà inaugurata domani (sabato 23 aprile) alle ore 12, presso le Scuderie Granducali in Viale Leonetto Amadei a Seravezza, la mostra fotografica “Volti d’Europa” che propone scatti dei fotografi Libero Musetti, Bettina Engel Albustin, Michaela Böhning Sutthoff e Klaus Dieker.

La mostra scaturisce dal gemellaggio tra i Comuni di Stazzema e di Moers, in Germania, e nasce dalle suggestioni provocate dai volti ritratti dei superstiti della strage di Sant’Anna di Stazzema.

Le foto esposte mettono in evidenza le analogie tra i minatori della Renania e i cavatori della Versilia, immagini che annullano barriere linguistiche, culturali e storiche, per un dialogo capace di andare oltre ogni confine.

“Si tratta di ritratti che sono delle vere e proprie opere d’arte – commenta Davide Monaco, direttore della Fondazione Terre Medicee – grazie alla maestria dei fotografi che hanno saputo catturare in questi volti i segni della vita, delle esperienze, sguardi carichi di sentimenti che raggiungono con forza e grandi suggestioni quanti si soffermano a osservarli, proprio come si fa con un’opera d’arte”.

La mostra, che ha il patrocinio tra gli altri enti del Comune di Seravezza, della Fondazione Terre Medicee e del Gruppo fotografico Iperfocale, rimarrà aperta sino al 15 maggio (la proroga di una settimana è stata decisa per consentirne la visita durante Enolia, slittata a sua volta al 14 e 15 maggio), il venerdì e sabato dalle 16 alle 19.30, domenica e festivi dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19.30.

(Visitato 64 volte, 1 visite oggi)

25 aprile: a Sant’Anna di Stazzema Casellati e don Ciotti

Diminuzione delle tasse, il sindaco annuncia la riduzione della Tari