L’Associazione Tappeti di Segatura di Camaiore è in partenza per Noto (Sicilia): i maestri tappetari, infatti, parteciperanno alla terza edizione del Festival Arti Effimere, quest’anno in versione “Italian Edition”, che si terrà dal 28 al 31 Luglio 2022 sul Sagrato del SS. Salvatore.

L’evento prevede la realizzazione di 10 opere di arte effimera con l’utilizzo di materiali vari (segatura, fiori secchi, sale di Sicilia colorato, coriandoli e sabbia lavica dell’Etna, sabbia di Sicilia colorata, frutta, verdura, trucioli, cereali, legumi).

Il bozzetto su cui lavoreranno i nostri artisti camaioresi riprende la ricorrenza del ventennale dell’iscrizione all’Unesco del Val di Noto: l’opera rappresenterà infatti le bellezze toscane protette dall’Unesco, dall’insieme urbano di Firenze con la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Battistero ed il Campanile di Giotto, oltre al David di Michelangelo, simbolo principale nella patria dell’Umanesimo Moderno. Rende quindi omaggio a monumenti che rappresentano Firenze e la Toscana, metà turistica ed artistica nel Mondo, ed eletta nel tempo come modello di bellezza: Camaiore ha infatti un rapporto speciale con Firenze, avendo partecipato diverse volte con le proprie opere effimere alla “Notte Bianca delle Arti”, che ogni anno si svolge nel capoluogo di regione.

L’evento in questione, già di interesse regionale, gode del supporto mediatico della “Coordinadora Internacional de Entidades de Alfombristas de Arte Efimero”, il coordinamento mondiale dell’arte dei tappeti.

“Esportare i nostri tratti caratterizzanti, folkoristici e culturali, facendoli apprezzare in Italia e nel Mondo, serve a far conoscere Camaiore, le sue bellezze, la sua storia e le sue eccellenze – commenta il Sindaco Marcello Pierucci -. Ringrazio i nostri maestri tappetari per la dedizione e la passione con cui -non solo sul nostro territorio, ma anche“in trasferta” – continuano a portare avanti un’arte secolare che è da sempre viva e pulsante nel nostro animo di comunità”.

“Un vero orgoglio per il Comune di Camaiore vedere i nostri tappeti di segatura in Italia, in Europa e nel Mondo – commenta il Vicesindaco e Assessore alle Tradizioni Andrea Favilla -. Un’arte che va difesa, tutelata e sostenuta con forza e vigore, che ci rende fieri della nostra storia”.

(Visitato 268 volte, 1 visite oggi)

“L’ignoranza è la madre delle tradizioni”

MAMMA MIA! Il musical dei record arriva in Versiliana