“Ero preparato ad una flessione significativa della Lega – i sondaggi lo certificavano da tempo – ma oggettivamente non me lo aspettavo fino a questo punto.

Sicuramente abbiamo pagato, piu’ del previsto, la partecipazione al Governo Draghi dove siamo stati costretti a compromessi che hanno indebolito quella linea politica chiara, per certi versi rivoluzionaria, fortemente voluta da Matteo Salvini sin dal 2015 e che tanto consenso aveva raccolto fra gli elettori.

Lo sforzo di responsabilità – deciso anche per aiutare le amministrazioni regionali in piena pandemia – che la Lega ha prodotto nel fare argine a tanti provvedimenti legislativi che PD, M5S e sinistra radicale avrebbero voluto approvare ai danni del ceto produttivo del Paese, ai danni delle famiglie e delle imprese, non e’ stato compreso dagli Italiani che, al contrario, hanno finito per apprezzare di più chi si è limitato a fare opposizione, come dimostra il pesante travaso dei nostri voti sul simbolo di FDI.

E’ stata una battuta di arresto importante sulla quale è corretto aprire un serio confronto con tutti i militanti e su tutti i territori per raccogliere considerazioni e proposte per rilanciare immediatamente l’azione politica della Lega, ma non vi è dubbio alcuno, come è emerso dallo stesso Consiglio Federale di ieri, che l’intero partito sia unito, blindato, intorno al Segretario Matteo Salvini per il quale, non a caso, è stato chiesto un ruolo di primissimo piano nel futuro Governo di centrodestra”.

Così interviene Massimiliano Baldini, Segretario Comunale della Lega di Viareggio ed in procinto di entrare in Consiglio Regionale della Toscana.

“Condivido anch’io la necessità di concludere la stagione dei congressi comunali e di celebrare, entro pochi mesi, quelli provinciali e regionali perché sarà un’occasione per favorire il ritorno a quel diffuso laboratorio di idee e di tesi politiche su tanti argomenti chiave della vita pubblica italiana, utile a liberare tutte le energie intellettuali e culturali di cui dispone largamente il movimento e sulle quali rilanciare, intorno alla guida di Matteo Salvini, rinnovate energie che possano realizzare le grandi battaglie che hanno contraddistinto l’impegno della Lega di governo in questi anni così cruciali.

Proprio la connaturata struttura unitaria della Lega e la notevole opera di radicamento del partito sui territori realizzata in questi anni che ci hanno visto vincere e governare in tante regioni ed in tanti capoluoghi italiani – continua Massimiliano Baldini – mi rende assolutamente ottimista sul fatto che si possa immediatamente reagire a questo momento di difficoltà, recuperando tanti elettori che hanno voluto lanciare un segnale di critica verso determinate scelte ma che apprezzano, hanno fiducia e si riconoscono nelle peculiarità del partito di Matteo Salvini.

A Pontida mi hanno colpito le parole di Roberto Calderoli – “la Lega ha ottimi cavalli da corsa, si vedrà ancora meglio nel prossimo governo di centrodestra” – che condivido, che considero lungimiranti e facilmente profetiche.

Per quanto mi riguarda personalmente, porterò questo spirito costruttivo ed inclusivo sia nel partito a tutti i livelli che in Consiglio Regionale dove sarò a disposizione dell’intera Provincia di Lucca (che nel 2020 mi premiò con ben 3.419 voti, secondo miglior risultato toscano dei numeri due in lista) sui tanti temi tradizionali che ho seguito in questi anni ma senza perdere di vista Viareggio che vive una crisi amministrativa sempre più grave a causa di reiterate promesse mai realizzate alla quale si affianca una crisi politica che paralizza da tempo la città e non garantisce nemmeno la fine della consiliatura.

Infine – conclude l’esponente del partito di Matteo Salvini – sono molto soddisfatto che Elisa Montemagni sia stata eletta alla Camera dei Deputati perché, insieme a lei ed a tutti i rappresentanti toscani della Lega in Parlamento, potremo svolgere un lavoro importante e coordinato a livello regionale e nazionale nell’interesse delle famiglie, delle imprese e di tutte le categorie economiche che insistono ed operano nelle nostre comunità.
Mi appresto a vivere una grande opportunità per la quale ringrazio il nostro Segretario Federale, la Sezione della Lega di Viareggio, il Gruppo Consiliare ed i tanti militanti e cittadini che, non solo a Viareggio, mi hanno sempre sostenuto in tanti anni di impegno politico”.

(Visitato 97 volte, 1 visite oggi)

Giuseppe Conte a Viareggio: “Sono qui per coltivare la memoria”

Circolo Viareggio, la proposta di Fratelli d’Italia: “Corso base di formazione Politica”