I primi cantieri partiranno alla fine di ottobre e riguarderanno i reticoli idraulici delle zone colpite dalle fiamme nei comuni di Massarosa, Camaiore e Lucca. Ridolfi: «Ora si apre fase due, Consorzio lavorerà senza sosta e con il massimo impegno per mettere in sicurezza il territorio nel più breve tempo possibile»

La Giunta regionale della Toscana ha dato il via libera ai lavori di manutenzione straordinaria sul reticolo idraulico delle zone colpite dall’incendio del 18 luglio. Il Consorzio 1 Toscana Nord, grazie a uno stanziamento di 342.000 euro, potrà procedere alla realizzazione di importanti interventi di mitigazione del rischio idrogeologico nei comuni di Massarosa, Camaiore e Lucca.

«Da subito – afferma Ismaele Ridolfi, presidente del Consorzio 1 Toscana Nord – ci siamo messi a disposizione degli enti locali e del sistema di protezione civile per affrontare l’emergenza. Abbiamo mobilitato squadre di tecnici e operai da tutte le sedi del Consorzio e per settimane siamo stati al lavoro nelle zone devastate dagli incendi per liberare i corsi d’acqua e realizzare i primi interventi di messa in sicurezza. Grazie all’uso dei droni – continua Ridolfi – siamo stati in grado di mappare rapidamente le situazioni di maggiore criticità, velocizzando così i tempi di progettazione. Ora – prosegue il presidente – passiamo alla fase due ovvero sia alla realizzazione di quegli interventi di ingegneria ambientale che sono fondamentali per affrontare la stagione invernale. Siamo – sottolinea Ridolfi – in un momento estremamente delicato, in cui occorre avere la massima attenzione perché ceneri e terreni dilavati, in caso di forti piogge, rappresentano ancora un fattore di rischio molto elevato. Queste manutenzioni straordinarie servono proprio a questo, a evitare il più possibile l’ostruzione dei corsi d’acqua e a mitigare il rischio idrogeologico. Come sempre lavoreremo senza sosta e con il massimo impegno per per mettere in sicurezza il territorio nel più breve tempo possibile».

Sono tre i lotti previsti dalla delibera n. 1048 del 19 settembre 2022: i primi due riguardano il territorio comunale di Massarosa mentre il terzo interessa i comuni di Camaiore e Lucca. I lavori sul primo e terzo lotto inizieranno nei prossimi giorni per terminare entro la fine dell’anno; la partenza dei lavori sul secondo lotto è prevista invece nel mese di novembre, con consegna entro il 28 febbraio 2023.

Ecco gli interventi, comune per comune.

MASSAROSA

Sul Rio Acqua Chiara è previsto un intervento di risagomatura, l’eventuale scavo di alcuni sovralluvionamenti localizzati e il ripristino di un’opera di difesa idraulica nel tratto a valle.

Anche sulla Polla del Morto sono programmati interventi di risagomatura e l’eventuale scavo di alcuni sovralluvionamenti, in particolare per regolarizzare le funzionalità idrauliche in corrispondenza dei tanti attraversamenti presenti sul corso d’acqua.

Sul Rio Vallecava è prevista la risagomatura dell’alveo nel tratto compreso fra l’imbocco del tombamento e la briglia in gabbioni, oltre alla realizzazione di scogliere a protezione delle sponde.

Particolarmente articolati i lavori previsti sul Fosso del Borrone. Oltre alla realizzazione di una rampa di accesso all’alveo, sarà movimentato il materiale solido che si trova in un lungo tratto del corso d’acqua, verranno realizzare opere di difesa in scogliera su entrambe le sponde per almeno sessanta metri di lunghezza e saranno create dei salti di fondo, sempre in scogliera, per creare delle aree di accumulo per il materiale proveniente dall’affluente destro.

Infine, sul Rio di Colle sarà eseguito un intervento di risagomatura e l’eventuale scavo localizzato dell’alveo nel tratto che va dalla confluenza con il Rio del Borrone alla Sarzanese.

CAMAIORE

Sul Solco di Renipoli sarà realizzato un intervento di risagomatura e l’eventuale scavo localizzato dell’alveo. Questi lavori, che interesseranno più tratti del corso d’acqua, hanno lo scopo di regolarizzare le sezioni di deflusso e ripristinare l’officiosità idraulica. Inoltre sarà ripristinata la scogliera cementata in alveo a monte e a valle della briglia sellettiva. Qui è previsto anche il consolidamento di un’opera di difesa franata a valle della località Al Collaccio.

LUCCA

Sul Rio di Castiglioncello e sul suo affluente sono previsti interventi di manutenzione straordinaria con il taglio delle piante, la risagomatura e l’eventuale scavo localizzato dell’alveo nel tratto a monte della frazione di Castiglioncello.

(Visitato 110 volte, 1 visite oggi)

Benedusi(FDI): “Troppi cambi di insegnanti di sostegno nelle scuole della Versilia”

Transazioni sui rifiuti, a Massarosa arriveranno un milione di euro