E’ stata presentata oggi in conferenza stampa in municipio a Camaiore la quinta edizione del Forum Internazionale della Formazione, di scena al teatro dell’Olivo di Camaiore sabato 22 e domenica 23 ottobre. L’evento è organizzato da Teseo in collaborazione con il Comune di Camaiore, la Direzione Scientifica del Prof. Alessandro Mariani dell’Università degli Studi di Firenze e il sostegno della Cassa di Risparmio di Volterra.

Il tema scelto per l’edizione 2022 del Forum è quello delle “nuove fragilità”: una due giorni occasione di incontro e riflessione sulle tematiche della formazione con relatori di fama nazionale e internazionale e laboratori per adulti e bambini.

Ad aprire i lavori, domenica alle 10.30 sarà il direttore scientifico del Forum, il professor Alessandro Mariani, in un focus a cui parteciperanno la sociologa Chiara Saraceno, il presidente dell’ordine degli psicologi David Lazzari e il giornalista Duilio Giammaria. Dalle 14.30 in poi una serie di percorsi tematici a cui parteciperanno personalità del mondo della cultura e della formazione, come Giancarla Sola (Università degli Studi di Genova), Michela Marzano (scrittrice e docente all’Università Descartes di Parigi), Anna Lazzarini (Università degli Studi di Bergamo), Enrico Galiano (scrittore e insegnante) e in collegamento da New York Joseph LeDouxn, neuroscienziato,  direttore del Center for the Neuroscience of Fear and Anxiety di New York) introdotto dalla professoressa Flavia Stara dell’Università degli Studi di Macerata. Grande attesa anche per l’incontro con Ghesce Tenzin Tenphel, maestro residente dell’Istituto Lama Tzong Khapa, introdotto da Isabella Gagliardi dell’Università degli Studi di Firenze

La giornata di domenica sarà dedicata ai seminari interattivi. In programma “Allenare l’ottimismo, trasformare il futuro” con il formatore Raniero Iacobucci, Io leggo per gli altri con Martina Evangelista (coordinatrice nazionale Letture ad Alta) e CreaVità, percorsi di Orientamento Creativo da un’idea di Chiara Gamberale con Mattia Zecca e Sabina D’Angelosante. Tutto dedicato ai bambini invece il laboratorio per sperimentare in prima persona i pattini a rotelle con “Tuttinpista”, attività guidata dal responsabile del settore giovanile della  Rotellistica Camaiore, Elia Guidi. Chiude il forum il seminario con le conclusioni, affidate al professor Mariani,a Franco Cambi, docente dell’Università Telematica degli Studi, e Agnese Pini, direttrice delle testate del gruppo QN. Sul sito www.forumform.it il programma completo e la possibilità di registrarsi agli eventi, a numero chiuso.

“Ringrazio il comune di Camaiore – ha detto la responsabile di Teseo, Sonia Ceramicola – che ha creduto in questa iniziativa, organizzata da Teseo con il Prof.Mariani e il convinto sostegno della Cassa di Risparmio di Volterra. Prima con il sindaco Del Dotto, ora con Marcello Pierucci e Claudia Larini, abbiamo da sempre trovato una comune sensibilità e una condivisione sui temi proposti. L’obiettivo principale del Forum è quello di aumentare la consapevolezza delle persone, che siano giovani, adulti, professionisti, genitori o studenti, sull’importanza della “formazione continua”. E sull’importanza di aprirsi a nuove competenze, ad aggiornamenti continui, anche fuori dalle sedi istituzionalmente deputate alla formazione. La formazione – ha aggiunto Ceramicola – è anche imparare dal vissuto quotidiano, da visioni diverse e trasversali rispetto a quelle istituzionali: è quello che cerchiamo di fare tutti gli anni con il Forum Internazionale della Formazione, invitando ospiti appartenenti a mondi ed esperienze differenti. Il tema della fragilità – ha concluso – sarà affrontato con ottica positiva e propositiva, sarà un approccio con un messaggio di fondo di ottimismo”.


“Come sottolineava anche Seneca – ha detto il direttore scientifico del Forum, professor Alessandro Mariani – non riflettiamo mai a sufficienza su quanto siamo esseri fragili, vulnerabili. E la tempesta perfetta che si è materializzata in questi mesi sul pianeta (con la pandemia, la guerra e la crisi energetica/economica) ha determinato, non solo casualmente, la sincronizzazione di questo argomento rispetto al tema del forum. Le nuove fragilità – ha spiegato Mariani – sono numerose: da quelle ambientali a quelle esistenziali, come le patologie e le solitudini. Senza dimenticare le fragilità sociali (le disoccupazioni e le migrazioni) e quelle planetarie (basti pensare alle povertà e alle guerre)”.

Giovani Biegi, responsabile marketing della Cassa di Risparmio di Volterra ha aggiunto che “la banca condivide questo approccio alla formazione, che non è limitata ad aspetti accademici e didattici, ma è una formazione trasversale, contaminata, che si estrinseca nella quotidianità. Un approccio che adottiamo sia all’interno che all’esterno della nostra azienda”.

“È sempre un vero onore e un enorme piacere accogliere sul nostro territorio un evento così importante sotto un profilo didattico, formativo, culturale ed umano – dichiara il Sindaco Marcello Pierucci -. Anche quest’anno il livello sia del programma che degli ospiti rimane altissimo  e il tema trattato, le nuove fragilità, si rivela di strettissima attualità e fondamentale importanza, considerando i turbolenti e insicuri anni che abbiamo vissuto. Sono sicuro che da Camaiore partirà lo spunto di riflessione più adatto e propedeutico per parlare di una vera ripartenza di società e di comunità”.

“Nutro entusiasmo e grande sensibilità per questa iniziativa, che coniuga consapevolmente cultura e didattica, orientamento e formazione – commenta l’Assessore alla Cultura e Servizi Scolastici Claudia Larini -. Il Forum, anche per questa quinta edizione, saprà accogliere sia un pubblico di nicchia che cittadini interessati a conoscere maggiormente, coinvolgendo se stessi e la loro emotività, queste tematiche tanto importanti per la nostra società. A guidarci, anche quest’anno, il desiderio umano di imparare”.

(Visitato 95 volte, 1 visite oggi)

Harry, Newt e gli animali bibliofantastici. A Palazzo Mediceo di Seravezza una giornata dedicata al mondo di Harry Potter

“Pietrasanta Cinema d’Autore” nel segno di Pasolini