Palazzo Rossetti si prepara ai nuovi interventi di restauro e ristrutturazione che prenderanno il via lunedì, quando inizierà il montaggio dei ponteggi per la realizzazione delle opere previste al primo piano dell’edificio che si affaccia sul centro del paese.

Si tratta del terzo lotto di interventi per il restauro, il consolidamento e l’adeguamento statico impiantistico del Palazzo, affidati nei mesi scorsi alla ditta Panza di Capannori e rimandati all’autunno per non creare disagi nel periodo estivo, anche in considerazione del ricco calendario di eventi che hanno interessato il centro storico.

Dopo il primo lotto per il rifacimento di tetto e facciate e il secondo per il consolidamento del muro retrostante il Palazzo e l’abbattimento delle barriere architettoniche con l’installazione di un ascensore, è adesso la volta del nuovo lotto di interventi, dal valore complessivo di 320 mila euro.

I nuovi lavori andranno a interessare una superficie di circa 350 metri quadri con un tempo di realizzazione, previsto nel capitolato, di 120 giorni e che quindi vedranno il completamento nella prossima primavera.

Il nuovo lotto interviene quindi sugli spazi interni dell’edificio, ai quali dovrà fare seguito un quarto lotto per il restauro di altri 150 metri quadri localizzati al piano superiore, per i quali l’amministrazione comunale è impegnata nella ricerca dei necessari finanziamenti.

“Si tratta di opere di restauro prima ancora che di ristrutturazione e che, come tali, hanno richiesto l’affidamento a una ditta specializzata – spiega il sindaco Lorenzo Alessandrini –, inoltre alla realizzazione dei lavori va di pari passo l’impegno per il reperimento dei finanziamenti necessari all’esecuzione del prossimo lotto, così da portare a completamento questo intervento utile anche per una riqualificazione del centro storico del capoluogo”.

Le origini del palazzo vengono tradizionalmente fatte risalire alla metà del Cinquecento, mentre le prime rappresentazioni dettagliate dell’edificio e del retrostante giardino si hanno con i catasti ottocenteschi. Da sempre è uno degli edifici simbolo del paese, negli anni Cinquanta-Sessanta ha ospitato la caserma dei carabinieri, vi si trovano la farmacia e al secondo piano la sede del Parco delle Alpi Apuane.

Tornando all’oggi, una volta reperiti i necessari finanziamenti e realizzato il successivo lotto, Palazzo Rossetti disporrà degli spazi necessari a dare seguito a quello che è l’obiettivo più volte manifestato dal sindaco, ovvero il trasferimento degli uffici comunali nel centro del paese.

“Ogni ipotesi e progetto deve attendere i tempi giusti – aggiunge Alessandrini – e in questo caso si tratta di completare l’intervento, con il recupero anche della parte superiore. È evidente che un solo piano risulta sottodimensionato rispetto alle esigenze degli uffici comunali, per questo è indispensabile procedere anche con il lotto successivo. Solo a quel punto potremo dare seguito all’idea di trasferire qui gli uffici, liberando gli attuali spazi del municipio a favore delle scuole e realizzando così in quell’area un vero e proprio polo scolastico, anche in considerazione della progressiva crescita dell’Istituto Marconi”.

(Visitato 114 volte, 1 visite oggi)

Seravezza: sponsor per sostenere le iniziative di natale

Comune di Seravezza sosterrà il progetto di Viareggio per persone senza dimora o in povertà estrema