Ferito ad una gamba, e poi svenuto in un bosco poco lontano dalle case in fiamme. Fu ritrovato così Mauro Pieri, a 12 anni, uno degli ultimi superstiti della strage di Sant’Anna di Stazzema del 12 agosto 1944, scomparso domenica 28 maggio all’età di 90 anni. Insieme ad Ennio NavariMario PieriLina AntonucciMario Ulivi e Milena Bernabò la più grande di questi, che aveva 16 anni e poi insignita della Medaglia d’oro al Merito civile, Mauro fu uno dei bambini che si salvarono alla località Vaccareccia.

Da circa dieci anni Mauro Pieri, operaio dell’Enel in pensione, aveva dei problemi di salute, e così non era più riuscito a partecipare agli eventi di Sant’Anna e a visitare il Parco nazionale della Pace. Come invece aveva sempre fatto in precedenza, quando ad esempio aveva lottato con tenacia, con i tanti incontri fatti dal prefetto a Lucca, per far costruire la strada da La Culla a Sant’Anna, il primo tracciato che fu iniziato nel ‘67 che fu vitale per la frazione stazzemese martire della seconda guerra mondiale. E poi i tanti momenti in cui aveva reso la sua testimonianza di superstite agli studenti in visita al Museo della resistenza di Sant’Anna. Era stato tra gli ideatori della festa che ogni anno si svolgeva sopra le abitazioni di Monte Ornato (uno dei borghi di Sant’Anna posti più in alto, sul versante che conduce a Capezzano Monte), dove Mauro abitava: il gruppo gli “Amici dello Zuffone” organizzava ogni prima domenica di luglio una celebrazione religiosa in onore di una madonnina ritrovata dopo l’alluvione a Cardoso del 1996 alla quale seguiva un pranzo paesano. «Lo ricordiamo sempre disponibile – ha commentato il sindaco di Stazzema e presidente del Parco nazionale della pace Maurizio Verona -, a raccontare la sua storia a centinaia di studenti. Per alcuni anni si era dedicato infatti alla testimonianza diretta, aveva compreso il valore del suo racconto, la forza che la sua memoria rappresentava per le generazioni più giovani».

Mauro, la mattina del 12 agosto del ’44, si trovava ospite in una casa in località Argentiera. Pochi giorni prima, a Monte Ornato, dopo un combattimento fra partigiani e tedeschi, il 30 luglio, i soldati delle Ss bruciarono le case, compresa la sua. La sua famiglia, la madre e i tre fratellini, fu costretta a rivolgersi ad una zia che appunto risiedeva all’Argentiera, poco più in basso.  È lì che verso le ore 7 del 12 agosto arrivarono una cinquantina di soldati tedeschi e li rastrellarono dalle case, spingendoli sui sentieri della montagna, fino alla Vaccareccia. Circa 70 persone, gente di Sant’Anna e tanti sfollati, saliti lassù, in alto, per fuggire dalle bombe e dalla guerra. Mauro si ritrovò con il fratello più piccolo, Romano, dentro ad una stalla dove i soldati li ammassarono, assieme ad altre decine di persone. Vide e sentì tutto, pur fingendosi morto. Vide lucidamente quella tragedia insensata che si svolgeva davanti agli occhi di un bambino di 12 anni. Vide i soldati entrare e lanciare delle granate all’interno. Vide purtroppo anche di più. Soldati che entravano dopo l’esplosione e uccidevano a freddo le persone ancora vive. Fra queste il fratellino Romano, che, colpito, gli cadde sulle gambe. Mauro però si salvò. Ed insieme a lui si salvarono miracolosamente Milena, Lina ed il cugino Mario. Allo scoppio delle bombe, si ritrovarono sul fondo della stalla. Aiutandosi a vicenda riuscirono a salire al piano superiore, dove rimasero, feriti, fino a quando non uscirono dal tetto. Mauro si salvò, ma perse la madre ed i fratellini quella mattina. Fu anche fra coloro che ricordano bene anche la presenza degli italiani fascisti, quella mattina, fra le fila di coloro che compirono il massacro. «Il primo che mi ha levato di casa me era un italiano – ripeteva Mario anche alla deposizione rilasciata al processo di La Spezia – parlava bene il versiliese».

Il funerale di Pieri, che lascia la moglie Maria Bacci e i figli Stefania ed Enzo, si svolgerà domani martedi alle ore 15 nella chiesa San Bartolomeo Apostolo a Pietrasanta località Ponterosso, Comune dove era residente.  

(Visitato 401 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Slider

ultimo aggiornamento: 29-05-2023


Ustionata alle gambe dopo incendio, ferita 62enne

Salvate la scuola Martiri di Sant’Anna, manifestazione di studenti e cittadini