Ultimo atto dell’iniziativa benefica “Pinocchio in Versilia, tra fiaba, arte e solidarietà” che sabato (3 febbraio) alle ore 11.00 vedrà l’inaugurazione di dodici opere nell’atrio dell’Ospedale Versilia a Lido di Camaiore.

Un’iniziativa nata nel cuore di Seravezza, da una felice intuizione di Paola Poli de La Seravezziana Caffè che ha pensato di celebrare il 140° anniversario della prima edizione del capolavoro “Le avventure di Pinocchio” di Carlo Collodi, intrecciando attorno a questa opera letteraria arte e solidarietà.

Un progetto che ha raccolto l’immediata adesione di dodici artisti che hanno offerto una personale lettura di altrettanti episodi del famoso burattino. Le opere, realizzate da Roberto Fiasella, Fabiana Toffano, Alessio Palmieri, Carmine Garofalo, Niccòla Giannoni “Pivino”, Mirko Babboni, Claudio Tomei, Laura Catalano, Brunetta Puccinelli, Roberto Giansanti con Annalisa Atlante, Piero Crivellari e Silvia Iannotta, sono state per un periodo esposte presso La Seravezziana, dove Pinocchio è peraltro da sempre presente per una grande passione della titolare.

Quelle dodici opere sono state quindi donate al reparto di pediatria del Versilia che le ospiterà stabilmente, dopo l’inaugurazione nell’atrio della struttura ospedaliera e la permanenza in quegli spazi, per una quindicina di giorni.

Ma non è questo il solo dono che viene fatto al Versilia, in quanto il progetto di Pinocchio in Versilia si è avvalso anche dell’entusiasta partecipazione dell’associazione culturale “Versiglia in bocca” che ha portato in scena a dicembre, alle Scuderie Granducali di Seravezza, un apprezzatissimo spettacolo che ha fruttato un incasso di 3.300 euro. Somma anch’essa destinata alla Pediatria del Versilia che, come comunicato agli organizzatori dalla dottoressa Lisanna Baroncelli, direttore dell’Ospedale, sarà destinata – d’intesa con il dottor Luigi Gagliardi, direttore del reparto di neonatologia e pediatria – all’acquisto di una lampada di fototerapia per neonati, uno strumento per la cura dei piccolissimi pazienti.

“Questo progetto – commenta Paola Poli de La Seravezziana Caffè – è stato un bel viaggio attraverso i cuori di tutti coloro che hanno permesso che la magia di Pinocchio arrivasse a destinazione. I bambini sono la vera ricchezza della vita, quindi sono davvero felice di questo traguardo raggiunto con l’adesione di molti amici che hanno condiviso questo sogno”.

A esprimere soddisfazione per il progetto che giunge in porto con ottimi frutti, è anche l’assessore al sociale Stefano Pellegrini: “Desidero rivolgere l’apprezzamento dell’amministrazione comunale per questa iniziativa che, partendo da un’opera letteraria patrimonio di ognuno di noi, ha trovato una interessante declinazione nel mondo dell’arte e del teatro, mettendo idee e creatività a servizio di un concreto sostegno al reparto di pediatria del Versilia. La nostra gratitudine va a Paola Poli e ai suoi collaboratori per questo progetto che rappresenta anche un importante collante tra il territorio e la nostra struttura ospedaliera”.

Il progetto, promosso da La Seravezziana Caffè in collaborazione con l’Associazione culturale “La Versiglia in bocca”, è patrocinato dal Comune di Seravezza, dalla Fondazione Terre Medicee, dalla Fondazione Nazionale Carlo Collodi, dal Parco Policentrico Collodi Pinocchio, OSD Francesco Ticci, Azienda USL Toscana Nord Ovest Ospedale Versilia e si avvale della preziosa collaborazione di diverse realtà territoriali.

(Visitato 13 volte, 1 visite oggi)

Memoria, “l’atto di gentilezza” che salvò dalla Shoah

Pesca, arrivano altri due milioni dai fondi comunitari