Su richiesta del Comune di Courmayeur, il percorso espositivo “L’immaginario del possibile” che celebra i primi 40 anni del Museo dei Bozzetti resterà in Valle d’Aosta fino a domenica 18 febbraiodue settimane in più rispetto alla data prevista per il rientro a Pietrasanta. “Abbiamo accolto subito e con grande piacere – riferisce il sindaco e assessore alla cultura, Alberto Stefano Giovannetti – la proposta del Comune di Courmayeur: una vetrina d’eccellenza per il nostro museo ma direi per tutta Pietrasanta, che ha così l’opportunità di raccontarsi più a lungo in una location di alto pregio turistico, di livello internazionale e ad una tipologia di ospiti, gli amanti della neve, difficile da coinvolgere direttamente. Il mio personale ringraziamento al sindaco Roberto Rota, ai suoi collaboratori e a quanti hanno accolto, giovedì, la nostra delegazione per l’apertura della mostra: li aspettiamo volentieri a Pietrasanta, per condividere un altro momento di promozione per i nostri territori”.

La mostra “L’immaginario del possibile”, realizzata dall’amministrazione comunale attraverso l’ufficio cultura e turismo e curata dalla direttrice scientifica del Museo dei Bozzetti, Chiara Celli, è allestita nella Chiesa Valdese di Courmayeur e comprende le opere “Donna con un ombrello” di Fernando Botero, “Orizzonte” di Igor Mitoraj, “Concordia” di Giuliano Vangi, “Colonna Infinita – Accrescimento II” di Eun Sun Park e “Weeping Fountain” di Claude e Francois Xavier Lalanne. In piazza Petigax, invece, sono stati installati alcuni pannelli promozionali con vedute del centro storico di Pietrasanta, della Marina e delle gallerie del museo.

Si tratta della prima iniziativa, celebrata proprio nel giorno del “compleanno” del museo (che fu istituito il 1° febbraio 1984) con cui l’amministrazione comunale festeggerà il quarantennale della sede museale. Dalla prossima settimana, sui canali social ufficiali del Comune, ogni venerdì la nuova campagna #Bozzetti40 racconterà storia, aneddoti e curiosità del museo aperto nel loggiato superiore del Chiostro di Sant’Agostino; già in calendario anche due appuntamenti rivolti ai più piccoli, a metà fra cultura e Carnevale: sabato 10 febbraio, dalle 16 a Palazzo Panichi, nello spazio dedicato ai Bozzetti in vetrina, “Carnevale di giochi al Museo”; il sabato successivo, dalle 16,30 al museo dei Bozzetti, “Maschere ad Arte”, con visite guidate e laboratori.

(Visitato 23 volte, 1 visite oggi)

San Biagio… sulle arie di Mozart

San Biagio col sole, boom di visitatori