Sono stati annunciati oggi i vincitori dei premi speciali della 95° edizione del premio letterario Viareggio-Rèpaci: la giuria ha assegnato il Premio Internazionale Viareggio-Versilia” ad Anita Likmeta, il Premio Giornalistico è stato conferito a Giovanna Reanda, mentre ad aggiudicarsi il Premio Opera Prima è stata Alice Valeria Oliveri.

Anita Likmeta è un’imprenditrice nata a Durazzo, in Albania, durante il regime comunista di Enver Hoxha, naturalizzata italiana. Arrivata in Italia dopo la guerra civile nel 1997 ha conseguito la maturità classica e si è laureata in Lettere e Filosofia. Nel 2024 ha pubblicato il suo primo romanzo “Le favole del comunismo”, Marsilio Editori.

Giovanna Reanda è da quest’anno la nuova direttrice di Radio Radicale. Romana classe 1966, dal 1990 ha iniziato in archivio dell’emittente fondata da Marco Pannella, dove dopo pochi mesi è passata in redazione e ha ricoperto, prima della nomina, il ruolo vicecaporedattore. Laureata in storia dell’arte e giornalista professionista dal 1997, è stata corrispondente parlamentare per molti anni e membro del Direttivo dell’Asp e di Stampa Romana.

Alice Valeria Oliveri è giornalista e autrice. Nata a Catania nel 1992, dal 2014 si occupa di televisione, cinema, musica e nuovi media collaborando con diverse riviste come «Esquire», «Link – idee per la tv», «The Vision» e «Domani». Dal 2019 è analista nel programma di Rai3 Tv Talk e dal 2022 è autrice e host del podcast Il decennio breve.

Collabora con Mediaset Infinity come autrice di format video e nel 2023 ha pubblicato il suo primo romanzo Sabato champagne, edito da Solferino. Per Einaudi ha pubblicato Mondovisione. Atlante della tv contemporanea (2024).

Il prossimo 10 luglio saranno annunciati anche i premiati per le categorie poesia e saggistica che vedono in lizza rispettivamente Stefano Dal Bianco (Paradiso, Garzanti), Mariangela Gualtieri (Bello Mondo, Einaudi), Laura Pugno (I nomi, La nave di Teseo), e Pierluigi Battista (I miei eroi, La nave di Teseo), Francesco Gambino (In sala con il diritto, La nave di Teseo), Vincenzo Trione (Prologo celeste, Einaudi).

Venerdì 26 luglio in Piazza Mazzini a Viareggio, gli autori dei libri entrati nelle terne finaliste, in dialogo con la giuria, presenteranno al pubblico le loro opere, mentre sabato 27 luglio alle ore 21 si terrà la serata finale con l’attesa proclamazione del vincitore per la categoria narrativa che vede candidati Silvia Avallone (Cuore nero, Rizzoli), Federica De Paolis, (Da parte di madre, Feltrinelli) e Marco Lodoli (Tanto poco, Einaudi), e la cerimonia di premiazione dei vincitori, per ciascuna sezione, del premio Viareggio-Rèpaci 2024.

La Giuria del Premio è composta da Paolo Mieli (Presidente) – giornalista, saggista e storico, Leonardo Colombati (vicepresidente) – scrittore, Luca Alvino – poeta, Maria Pia Ammirati – dirigente televisiva, scrittrice e giornalista, Camilla Baresani – scrittrice e insegnante, Giorgio Biferali – scrittore e insegnante, Maria Borio – poetessa, Gabriella Buontempo – produttrice cinematografica, Diamante D’Alessio – giornalista, Francesca Ferrandi – autrice, Costanza Geddes da Filicaia – docente di Letteratura italiana contemporanea, Emma Giammattei –  docente di Letteratura Italiana, Luciano Luciani professore e giornalista, Edoardo Nesi – scrittore e saggista, Mirella Serri – docente di Letteratura e giornalismo.

(Visitato 64 volte, 1 visite oggi)

MI QUERIDA PIETRASANTA, EVENTO TRIBUTO A FERNANDO BOTERO E SOPHIA VARI

Torna la rassegna di teatro giovanile di “Teatro Rumore”