(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

CAMAIORE. “Le scelte che in questi giorni abbiamo compiuto sono coerenti con la nuova stagione che abbiamo avviato e vogliamo portare nel governo della città.  Ho detto che avrei dialogato a 360° senza pregiudizi, discutendo di progetti ed idee per costruire la Camaiore del futuro. E’ ciò che ho fatto: l’apparentamento con Alternativa Per Camaiore, l’appoggio esterno di Camaiore nel cuore nasce dall’affinità tra i programmi, facilmente riscontrabile per chi abbia voglia di leggerli e di non guardare ai fatti di questi giorni con  le lenti del passato”.

Lo scrive il candidato sindaco del centrosinistra Alessandro Del Dotto, a una settimana dal voto del ballottaggio. “Sono anche soddisfatto – aggiunge – della dichiarazione di voto espressa da FLI e mi faccio garante del codice etico che anche loro hanno sottoscritto”.

“Mentre Matteucci imbandiva la tavola del ristorante proponendo, da esperto quale è, la grande abbuffata di incarichi – scrive Del Dotto – io parlavo della mia città e proponevo ai miei interlocutori il sostegno ad un progetto concreto che apre le porte ad una stagione di cittadinanza attiva e di democrazia effettiva. Sono contento che persone di grande esperienza amministrativa, nel totale disinteresse personale, abbiano deciso di sostenere una nuova stagione della vita della città”.

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

“In risposta alle illazioni del PDL – aggiunge l’ex segretario Pd – dico che le scelte che faremo, anche sulle persone, saranno coerenti con la nuova stagione. I nuovi assessori? Quelle che si leggono sono fantasie. I nomi degli assessori non ci sono e, garantisco, non ci saranno se non dopo il 22 maggio. Anticipo in esclusiva un’ipotesi-rivoluzione delle deleghe, una Giunta organizzata per programmi, priorità, competenze e sensibilità, con: “Ambiente e Agricoltura”; “Sviluppo Risorse Umane”; “Politiche per la scuola, la formazione, il sociale”; “Turismo, lavoro e attività economiche”; “Pianificazione Strategica del Territorio e realizzazione, manutenzione e cura dei beni pubblici (immobili, strade, reti, servizi, aree verdi, ecc)”; “Ricerca e impiego delle risorse finanziarie”; “Partecipazione, Trasparenza, Comunicazione”. Legheremo la permanenza nell’esecutivo ai risultati e non alle spinte della politi!
ca o ai piaceri del sindaco com’è stato sino ad oggi”. Vedrete: nei prossimi giorni Matteucci, direttamente o per interposta persona, mi attaccherà in ogni modo, pronto a sperperare soldi  con una propaganda fatta di menzogne e falsità”.

(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

“E’ la  prepotenza e l’arroganza – conclude Del Dotto – di chi, abbuffatosi di potere, non accetta il probabile tramonto di un sistema e di una stagione. Noi continueremo, con umiltà, a lavorare per vincere le elezioni  con gli strumenti nobili della politica, fatti di ascolto dei cittadini e di capacità di proposte concrete. I primi mesi ci vedranno infatti impegnati in maniera molto decisa e assidua su determinati punti del nostro programma e faremo una conferenza stampa mercoledì 16 maggio, alle  11, per spiegare in modo più dettagliato che cosa farà l’amministrazione Del Dotto nei suoi primi 300 giorni”.

(Visitato 10 volte, 1 visite oggi)

STOP AI RAPPORTI TRA EQUITALIA E COMUNE. UNA MOZIONE A VIAREGGIO

CITTADINI: “SIAMO IL GOVERNO DEL FARE. AL BALLOTTAGGIO SCEGLIETE MATTEUCCI”