VIAREGGIO Con l’arresto di cinque cittadini marocchini e due italiani di La Spezia, i carabinieri di Viareggio hanno concluso l’operazione “Principe”, iniziata nell’ottobre del 2011 e durata fino ad oggi.

E’ iniziata dal sequestro di una dose di cocaina ad un giovane assuntore di sostanza di stupefacenti all’interno della pineta di ponente a Viareggio, che aveva acquistato la cocaina da un extracomunitario conosciuto con il soprannome di “Principe”, di 23 anni. Da lì è nato il nome dell’operazione.

Le indagini hanno evidenziato un vero e proprio “mercato” di cocaina e hashish all’interno della pineta. Gli stranieri si muovevano anche in bicicletta, spesso rubate, ed avevano un vero sistema di vedette pronte ad avvisare i complici dell’arrivo delle forze dell’ordine.

Anche i carabinieri hanno utilizzato le  biciclette per cercare di seguire gli spacciatori nel corso dei loro movimenti all’interno della pineta.

I due italiani arrestati si approvvigionavano della droga per venderla in provincia di La Spezia, dove sono stati arrestati dai militari.

Complessivamente l’operazione ha portato in carcere 12 persone, sequestrati 800 grammi di cocaina, 500 grammi di hashish, sequestrato 12mila euro e diversi telefonini cellulari.

Gli arrestati si trovano presso i carceri di Lucca e di La Spezia.

(Visitato 104 volte, 1 visite oggi)

FURTO NELLA NOTTE ALLA DITTA ANODAL DI PIETRASANTA

ATHOS PASTECHI CONDANNATO A TRE ANNI E SEI MESI