FIRENZE. “Nel 2013 la Regione Toscana, come singolo ente, perderà 150-200 milioni di euro se le misure del Governo resteranno quelle ad ora annunciate”: a dirlo è l’assessore regionale al bilancio Riccardo Nencini che, conti alla mano, spiega come questa ulteriore riduzione di risorse statali, sommata a quella di oltre un miliardo di euro cumulata negli anni 2011 e 2012, sarebbe devastante per il bilancio regionale.

“I provvedimenti annunciati incidono su sanità, sociale, trasporto pubblico, economia ed istruzione”, continua l’assessore,. “Il Governo sta compiendo due errori: il primo è mettere sullo stesso piano sprechi e tagli a settori importanti come la sanità e il sociale. Il secondo è non riconoscere alcuna forma di premialità per quelle Regioni che, come la Toscana, hanno rispettato pienamente i canoni fissati fino ad oggi.”

“La Toscana ha il bilancio in ordine”, ricorda Nencini. “Ha i conti della sanità in ordine, rispetta il patto di stabilità, è stata la prima regione italiana a riorganizzare le pubblica amministrazione dotandosi di una legge che cancella le Comunità montane e incentiva le unioni dei Comuni ed ha già assunto provvedimenti per il tagli dei consiglieri e degli assessori.

“Però il Governo non prevede nessuna premialità per questa condizione di eccellenza. A qualcuno potrebbe venire il sospetto che sia più conveniente essere cicale e non formiche.”

(Visitato 13 volte, 1 visite oggi)

RATTI E TEDESCHI: “I CITTADINI S’INFORMINO SUL SERVIZIO DI RACCOLTA RIFIUTI””

DEL DOTTO REPLICA A MATTEUCCI: “È SOLO ATTACCATO ALLE POLTRONE”