FORTE DEI MARMI. Tanta commozione e tantissima gente oggi per l’ultimo saluto a Valerio Catelani e Daniela Bertoneri, scomparsi nel corso del Rally “Città di Lucca” domenica scorsa.

Il funerale è stato officiato da don Piero Malvaldi, amico di Daniela e Valeria in quanto frequentavano la parrocchia.

Diversi i piloti con le tute e le auto presenti all’interno del parco delle suore Canossiane dove si è svolta la cerimonia funebre. nel corso della quale ci sono stati canti, non solo religiosi, ma anche alcuni brani di musica leggera che tanto piacevano a Valerio e Daniele.

Per l’amore che Valerio aveva per gli animali, gli uccelli in particolare, tanto che abitualmente dava loro da mangiare sui tavoli del bar “Sambo” che gestivano nel centro di Forte dei Marmi, è stato eseguito il canto di San Francesco.

”Mi trovo in difficoltà, sono commosso, perché ero molto legato a Daniela e Valerio – dice nella sua omelia don Piero – forse non sono riuscito ad esprimere il sentimento che mi porto dentro per la grande emozione, grazie a loro però diversi altri giovani si sono avvicinati alla parrocchia”. Fa caldo nel Parco della Canossiane, diverse le suore vestite di bianco che fanno da cornice vicino all’altare allestito all’aperto, fra la tanta gente presente, oltre il sindaco Umberto Buratti, che ha decretato il lutto cittadino, con i bagni che hanno issato sui pennoni le bandiere a mezz’asta c’era anche l’ex centrocampista dell’Inter, Evaristo Beccalossi, in vacanza al Forte che ha voluto portare il suo saluto alla coppia scomparsa durante una competizione sportiva. Oltre a tanti versi lisi, sono arrivati dalla Lucchesia e dalla Provincia di Massa, dove era originaria Daniela.

Durante le cerimonia, nonostante si sia svolta all’aperto, non sono state ammesse telecamere e fotografi, ai quali è stato impedito in modo anche piuttosto duro l’ingresso. Alla fine appresa la notizia sono arrivate le scuse da parte del sindaco di Forte dei Marmi, Umberto Buratti e di don Piero.

(Visitato 169 volte, 1 visite oggi)

GRAVISSIMO INCIDENTE A VIAREGGIO, IN COMA UNA DONNA INCINTA

“MODELLO NORMANDIA”. LA PROPOSTA DI JAN VECOLI PER LA SICUREZZA SULLA SARZANESE