CAMAIORE. Sono ben 16 le aziende in lizza per la nuova edizione del Premio l’Alveare, premio all’imprenditoria promosso dal Consorzio le Bocchette.

Le domande sono giunte da settori diversificati, commenta il Presidente del Premio, Francesco Sodini, alcuni dei quali particolarmente noti, non solo al territorio locale ma anche al contesto nazionale.

Aziende della nautica, dalla cantieristica, all’accessoristica, alla produzione di dissalatori di bordo, alla costruzione di stabilimenti balneari, al settore lapideo con l’escavazione e la lavorazione di pietre “nostrali”e la lavorazione artistica, alla ristorazione, ma anche altre creazioni particolari legate al territorio, come la cartapesta, le reti da pesca. Ed ancora chimica, calzaturiero e vivaistico, restauro monumentale, per una ricchezza territoriale, come quella della nostra Versilia che sa distinguersi e farsi apprezzare in tutto il mondo.

Piccole imprese con grandi valori, know how, abilità manuali e grande esperienza, aziende storiche che da anni sono attive sul ns. territorio.

Un grande valore da far conoscere ma soprattutto ricordare al nostro territorio ed alle giovani generazioni.

Il 7 settembre si saprà l’azienda che è riuscita a conquistare l’apprezzamento del collegio giudicante, composto dal suo Presidente Bruno Nelli insieme a Ugo Da Prato, Mauro Palmerini Andrea Antonioli, Edoardo Ceragioli e Stefano Varia.

  1. Artigiana Viareggina
  2. Azienda agricola Carmazzi Marco
  3. Barsanti Mario
  4. Ristorante Buonumore
  5. Calzaturificio Paoli
  6. Cantiere navale Del Carlo
  7. RossiNavi
  8. Cervietti Franco & c
  9. La Bottega della Cartapesta coop soc.
  10. Lady Auto di Lombardi Lida
  11. Massimo Galleni
  12. Migliorini &Bertacchi
  13. Moretto Reti
  14. Restauro Italia
  15. Tecnicomar spa
  16. VSS Yacht Refit srl / Vismara Marine

 

(Visitato 135 volte, 1 visite oggi)

AMMINISTRAZIONE SODDISFATTA DELLA MANIFESTAZIONE “FOLLIE D’ALTRI TEMPI”

DAMASCO ROSI: “LA SITUAZIONE DEL LAGO DI MASSACIUCCOLI É QUELLA DI UN CANE CHE SI MORDE LA CODA”