CAMAIORE. Chi è che mette la musica ad alto volume nel pieno della notte disturbando il sonno di residenti e turisti? La scorsa settimana uno stabilimento balneare di Lido puntò il dito contro il Mora Mora, locale ospitato sulla terrazza dell’hotel Le Dune. Oggi però i titolari delle due attività prendono le distanze dall’accusa, e rilanciano: “A mettere la musica alta è il Mojito”.

Dopo l’articolo della scorsa settimana Emiliano Cerri, titolare del Mora Mora, e Massimo Pagano, proprietario de Le Dune, ci contattano per chiarire la loro posizione. Non ci stanno (nonostante la cosa fosse stata smentita anche dalla polizia municipale di Camaiore con il comandante Carlo Palmerini) ad essere additati come i responsabili del mancato sonno di qualcuno.

“Il nostro impianto audio – ci spiegano – è stato studiato nei minimi dettagli con un ingegnere. Non abbiamo grandi casse, ma una serie di micro-casse a pioggia, che trasmettono musica a basso volume. Al Mora Mora – dicono – si viene per un aperitivo, per cena o per dopocena, non per ballare. La musica è di sottofondo, non la protagonista della serata”.

Poi però puntano il dito: “La musica alta che si sente alle due di notte sul lungomare – dicono – è quella del Mojito”. Il bar Mojito si trova proprio sotto la terrazza del Mora Mora. “Sono loro che hanno posizionato una cassa all’esterno e sparano la musica a palla”.

Essere additato non piace neanche a Giovanni Corsetti, gestore del Mojito. “Io musica alta? Ma quando mai?! Io metto musica di sottofondo, che non si sente neanche perché viene sovrastata dalla musica del Mora Mora”.

Insomma si rimpallano le responsabilità.

L’altro problema di quella zona è quella gran massa di gente che staziona sia davanti il Mojito che davanti alla vicina Piadineria. “Anche in questo caso – dicono Pagano e Cerri – le nostre attività c’entrano poco, perché quelli non sono nostri clienti. Ma abbiamo comunque deciso di pagare dei vigilanti privati, per tenere sotto controllo la situazione che spesso rischia di degenerare”.

(Visitato 250 volte, 1 visite oggi)

TENTANO BORSEGGIO IN SPIAGGIA, RISCHIANO IL LINCIAGGIO DUE GIOVANI LADRI

NIENTE RETROCESSIONI PER UN ANNO, LE PROPOSTE DEI CARRISTI PER IL 2013