Foto da: canale yutube Rai
Foto da: canale yutube Rai

VERSILIA. È il 16 settembre del 1972 e Mina si esibisce sul palco della “Bussola” a Marina di Pietrasanta, da dove proprio qualche anno prima, nel 1958, la sua carriera cominciò, così, per gioco. La famiglia della cantante negli anni ’50 trascorreva le vacanze a Forte dei marmi e le serate alla Bussola erano d’obbligo per la famiglia Mazzini. In una di quelle sere passate a ballare con gli amici, la giovane Mina fu invitata per scherzo a salire sul palco. Salì. Stregò e divenne Mina. Fra la Tigre di Cremona e il locale simbolo della Versilia degli anni migliori, c’è un legame indissolubile. Qui Mina esordì nel 62, all’apice della sua strepitosa carriera legò il suo nome alla Versilia, e al pubblico della Bussola regalò una serie di concerti indimenticabili. E scelse proprio la “scala” del divertimento versiliese per chiudere la carriera con l’ultima esibizione del 24 luglio del 1978.

Ma furono tanti gli artisti internazionali e italiani che salirono sul quel palco che . Ray Charles, Louis Armstrong, Ella Fitzgerald, Miles Davis, Celentano e Gino Paoli solo per dirne qualcuno. Neppure l’anarchico Fabrizio De André riuscì a resistere al fascino di quel locale. La sera del 18 marzo del 1975, Faber, il poeta degli ultimi, si esibì davanti alla borghesia. Il cantautore genovese era terrorizzato. Fu difficile convincerlo a salire sul palco. Ma il regista Franco Ferri, suo grande amico ci riuscì e dopo fu difficile farlo smettere di cantare. De André regalò una delle sue migliori performance, anche se gli costò un bel po’ di critiche da parte del movimento.

Ed oggi? Cosa offre oggi la Versilia? Questa estate – a parte rare eccezioni come gli spettacoli della Versiliana a Marina di Pietrasanta, il Festival Gaber e l’intramontabile Festival Pucciniano – è stata assai povera di eventi, vedi ad esempio lo scarno programma dell’estate in Cittadella o quello della Notte Lido Blu a Lido di Camaiore. Colpa della crisi? Può darsi. Ma sicuramente da qualche anno (decennio?) a questa parte manca lo spirito di iniziativa, la capacità di organizzare grandi eventi. Mancano personaggi, tanto per fare un nome, come Sergio Bernardini. O, per guardare ai giorni nostri, come Mimmo D’Alessandro.

Il video mostra Mina, alla Bussola, nel 1972. È un reperto delle Teche Rai pubblicato su YouTube.

(Visitato 327 volte, 1 visite oggi)
TAG:
Arte bussola concerti de andre mina versilia

ultimo aggiornamento: 07-09-2012


CAMAIORE, ARRIVANO I DIVIETI DI SOSTA IN DOPPIA LINGUA

CARTELLI ATTACCATI CON LO SCOTCH, UN BRUTTO SPETTACOLO IN PASSEGGIATA