(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

VIAREGGIO. La Federazione della Sinistra di Viareggio è contraria al frazionamento dell’area della Polo Nautico.

“Per meglio capire la vicenda di quest’area – scrive la Federazione –  è opportuno risalire alla creazione della Polo Nautico. Dopo il fallimento della SEC, cantiere che costruiva solo navi commerciali, la Regione Toscana ed il Comune di Viareggio, in accordo con le forze sindacali, si mossero per garantire prima di tutto i posti di lavoro dei dipendenti conciliando questa necessità con le richieste di nuove aree da parte di alcuni cantieri del diporto. In quel momento, e continua tuttora nonostante la grave crisi del settore, il mercato della nautica stava andando verso le costruzioni di grandi yachts, 50-60 metri e oltre, per cui necessita la disponibilità di opportuni spazi e l’area SEC venne individuata come adatta a questa esigenza a patto che non si spezzettasse in tante piccole porzioni da assegnare ai singolo cantieri. Da qui nacque l’idea di dar vita ad un consorzio tra aziende della nautica per creare sinergie ed avere a disposizione superfici ed attrezzature adatte per costruire ed allestire navi delle dimensioni richieste dal mercato”.

“Dal momento che, nonostante l’attuale crisi, la nautica che tira è ancora quella dei megayachts, non ha significato il frazionamento di quell’area come richiesto dai soci del consorzio, è come andare contro lo scopo per cui è nato il consorzio stesso. La stessa suddivisione dell’area comporta una minore richiesta di personale occupato, anche questo contro lo spirito iniziale che aveva mosso enti e sindacati”.

“Non dimentichiamoci – aggiunge la Federazione della Sinistra – anche che nel 2002, forze sindacali ed imprenditori sottoscrissero un accordo, tuttora valido, in cui tra le altre cose si davano indicazioni sui salari delle aziende in appalto, sulla sicurezza nei luoghi di lavoro e sul rapporto tra numero di dipendenti diretti dei cantieri e dipendenti delle ditte in appalto. Questi punti sono quanto mai attuali e quindi anche per questo il Consorzio Polo Nautico ha ancora senso di esistere così come fu pensato. Il frazionamento dell’area significa minore occupazione e scelta scellerata dal punto di vista industriale per gli interessi della città, favorisce solo le singole aziende facenti parte del Consorzio”.

+ leggi anche Milziade Caprili sulla polo nautico

(Visitato 110 volte, 1 visite oggi)
TAG:
ex sec federazione della sinistra polo nautico viareggio

ultimo aggiornamento: 07-09-2012


BONUCCELLI (DC CAMAIORE): “NERI DICA QUANTO SPENDE LA SOCIETÀ DELLA SALUTE”

POLO NAUTICO, CGIL: “VIA LE MANI DALLA CITTÀ”