(foto Pomella)
(foto Pomella)
BRUXELLES. “In Europa, chi rappresenta il nostro Paese dovrebbe fare gli interessi dell’Italia, delle nostre piccole e medie aziende in difficoltà e dei cittadini che lo hanno eletto. Provo rabbia a vedere europarlamentari che, al contrario, prima dichiarano il loro appoggio alla categoria dei balneari e poi se ne dimenticano, una volta entrati nelle stanze dei bottoni, perché venduti al volere delle grandi multinazionali.” L’europarlamentare toscano della Lega Nord, Claudio Morganti, commenta così l’incontro che si è tenuto oggi, a Roma, sulle concessioni demaniali marittime, fra il ministro Piero Gnudi, i balneari, le Regioni, le Province e i Comuni.

“È ora di dire basta a quelle Direttive europee pensate per aumentare la competitività di alcuni settori economici e provocare la crisi di altri”, ha proseguito Morganti attaccando il Governo che “dà per scontata l’applicazione della Bolkestein senza aver mai proposto soluzioni alternative a Bruxelles, come ha sottolineato spesso anche la stessa Commissione europea.

“Lo Stato ha dichiarato che vigilerà sulle persone fisiche e sulle società che si aggiudicheranno le aste, ma vedendo come ha vigilato sulle infiltrazioni mafiose e camorristiche in diversi Comuni d’Italia, non c’è da stare allegri. Con le aste si corre proprio il rischio di spalancare le porte alla mafia, anche in questo settore.”

(Visitato 22 volte, 1 visite oggi)

MASSAROSA, ANCORA POLEMICHE SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA

NOI TV, PRESENTATA MOZIONE SULLA SITUAZIONE OCCUPAZIONALE DELL’EMITTENTE