(foto Marco Pomella)
(foto Marco Pomella)

VIAREGGIO. “Richiesta di rinvio a giudizio per 32 persone e nove società per un incidente ferroviario che continuo a definire strage. Trenta persone che quasi corrispondono alle vittime della tragedia ferroviaria. Richiesta che getta nell’ armadio della vergogna l’ultima perizia che avrebbe dovuto “assolvere” le FS, quella degli ingegneri Vangi e Licciardello, che andava in senso opposto all’approfondito lavoro di Procura e Polfer e che apriva le porte ad un disimpegno delle FS nel processo”.

Lo scrive Mario Navari, portavoce della Federazione della Sinistra in Versilia (Prc-Pdci)

“I comitati viareggini nati a seguito dell’incidente – scrive Navari – parlarono giustamente di risultati non convincenti, tesi insostenibili e suggestioni derivanti da soggetti forti. Sicuramente ci sono state delle responsabilità anche delle aziende di manutenzione e per questo sarebbe il caso di finirla con controlli basati su modelli di autocertificazione. Visto che le aziende coinvolte sono anche di altri paesi chiediamo all’ Europa di intervenire su queste materie come la sicurezza. Adesso siamo noi cittadini a dire: “l’ha chiesto il popolo all’ Europa” e non come abbiamo dovuto subire il contrario”.

“Non siamo soltanto di fronte ad un dramma di famiglie coinvolte in un incidente ferroviario ma ad un fatto che dovrebbe interrogare qualsiasi soggetto democratico e civile di questo paese. Visto che risulta coinvolto anche Moretti chiediamo a lui due regali natalizi: uno le sue dimissioni irrevocabili e,  prima di firmare queste, il ritiro del licenziamento del ferroviere Riccardo Antonini”.

(Visitato 20 volte, 1 visite oggi)

CARNEVALE DI PIETRASANTA, ECCO I PROTAGONISTI DI CANZONI E SCENETTE

UNA VORAGINE OBBLIGA ALLA CHIUSURA DI UNA STRADA ALLA MIGLIARINA