RIPETIZIONI, BARBIERE POPOLARE E PSICOLOGO SOCIALE, ECCO LE ULTIME INIZIATIVE DEL CIRCOLO CARACOL

VIAREGGIO. In principio fu lo spaccio popolare. Poi sono arrivati altri progetti di rilievo sociale, come il doposcuola. E ora è giunto il momento di farne altri tre. I giovani del circolo di Rifondazione Comunista Caracol hanno arricchito ulteriormente il ventaglio di iniziative per le famiglie in difficoltà con le ripetizioni popolari, il barbiere popolare e lo psicologo sociale.

Le ripetizioni, indirizzate ai soli studenti delle scuole superiori, si terranno presso la libreria Fahrenheit 451 in via Cavallotti a Viareggio e vanno ad affiancare il programma del doposcuola che, invece, si svolge già da tempo al circolo Caracol al quartiere Varignano: impegneranno sei-sette persone tra studenti universitari e docenti già in pensione. Del costo di cinque euro per ogni ora e mezza, le ripetizioni riguarderanno sia le materie umanistiche, quali storia, italiano e filosofia, che quelle scientifiche come matematica, fisica e chimica, senza dimenticare l’inglese. “Grazie ai proventi di questa iniziativa riusciremo a finanziare le altre attività del circolo”, fanno sapere i ragazzi.

La novità è che al circolo Caracol sarà possibile effettuare anche il taglio dei capelli: a breve sarà attivo il servizio del barbiere popolare, al costo di 10 euro, all’angolo tra via Leonardo da Vinci e via Ugo Foscolo. Un’iniziativa, spiegano ancora i membri del circolo, “che aiuta questo ragazzo, al momento senza lavoro, e viene incontro alle famiglie con i prezzi accessibili.”

Infine, ecco anche il servizio dello psicologo sociale. “In questo periodo molte persone si ritrovano sfrattate o in cassa integrazione”, ricordano i ragazzi del Caracol. “Abbiamo, quindi, pensato che possano avere bisogno di uno psicologo.” A prendersi carico di questo delicato compito sarà una persona già abilitata alla professione: resta ancora da decidere se il servizio sarà gratuito o se il circolo chiederà un contributo comunque simbolico per coprire le spese vive.

twitter @GorskiPark

Aggiornato il: 24-12-2012 13:30