VIAREGGIO. “In questo particolare momento economico occorre un forte investimento pubblico nel settore congressuale per rilanciare l’economia.” A sostenerlo è Leonardo Betti del Pd, tra i candidati alle primarie del centrosinistra per le elezioni amministrative.

“Le amministrazioni comunali che si sono succedute negli ultimi 15 anni hanno sempre detto di voler sostenere il turismo per allungare la stagione, ma nei fatti poco è stato fatto: il centro congressi è rimasto quello di 15 anni fa, lo stabilimento balneare Principe di Piemonte è rimasto quello del 1938, i parcheggi sotterranei non sono stati fatti, la Terrazza delle Repubblica, porta di ingresso di Viareggio, è rimasta quella degli anni Settanta.

“La conseguenza è che il turismo si è ridotto, la città si è impoverita ed i comuni limitrofi ci hanno superato. Il piano dell’ex sindaco Marcucci, riproposta da qualche altro candidato, è un’idea vecchia ed e’ fallita: basta rileggere il suo programma di allora e vedere cosa è stato effettivamente fatto: il tentativo di coinvolgere col bando Rimini e poi Milano non è andato a buon fine, il Versilia Meeting non è stato coinvolto e l’ idea di unire le altre strutture non funziona.

“Ci vuole, come in tutti i centri congressi, un pubblico forte che fa gli investimenti ed un manager svelto con bando che fa la gestione, non un privato che non porta né soldi né professionalità. L’idea vincente è quella di coinvolgere il privato in un progetto più grande. La Giunta Marcucci non solo non ha investito nel congressuale, ma ha pure drenato dal Centro Congressi quattro milioni di euro di liquidità, e in compenso la giunta Lunardini ha messo suddetto Centro Congressi in liquidazione e ha disperso i fondi Piuss ad esso destinati.

“Io e chi mi sostiene vogliamo invece che Il Comune di Viareggio, classica meta turistica della riviera versiliese, dopo quindici anni di immobilismo riacquisisca il proprio ruolo di leadership turistica tramite una scelta forte: trasformare l’area del Principe di Piemonte nel quartiere turistico di Viareggio e della Versilia, coinvolgendo in tale progetto anche la Provincia di Lucca e la Regione Toscana.

“L’obiettivo è destagionalizzare i flussi turistici, arricchendo il comune e la Versilia di nuovi servizi, trasformando l’area in epicentro del turismo familiare, sportivo e didattico. Una struttura avanzata per quanto concerne la didattica, il congressuale, il verde, la balneazione, il posizionamento, i parcheggi, l’efficienza energetica e quindi la sostenibilità, struttura che verrà sviluppata nella porta nord di Viareggio.

“La Viareggio Versilia Congressi Srl in liquidazione, società ereditata dal passato con problematiche di bilancio, non patrimonializzata e senza una propria missione, dovrà trasformarsi, a seguito del conferimento del ramo di azienda composto dal complesso immobiliare Principe di Piemonte con annesso stabilimento balneare, nella Sviluppo Viareggio SRL, società di trasformazione urbana deputata alla riqualificazione di tutta l’area.

“Questi sono gli obiettivi:

– Sviluppare il turismo in un momento di forte crisi degli altri settori (immobiliare, nautica) trainanti dell’economica locale.

– Riqualificare la porta di accesso di Viareggio e creare una nuova isola verde dotando la Terrazza della Repubblica delle sue originarie caratteristiche.

– Rilanciare il centro congressi facendolo vivere tutto l’anno.

– Sviluppare un turismo didattico collegato al mare.

– Creare una nuova zona a verde fronte mare vivibile per le famiglie.

– Dotare la città di nuovi parcheggi ed evitare il congestionamento del traffico nel centro città.

– Sviluppare nuovi investimenti e lavoro a Viareggio per le aziende di Viareggio.

“Il pubblico mantiene la proprietà del bene pubblico, detta gli indirizzi strategici ed il privato mette i capitali necessari, effettua gli investimenti, gestisce i servizi commerciali riconoscendo alla società pubblica un adeguato canone in grado di mantenere in mano pubblica la gestione congressuale.”

(Visitato 14 volte, 1 visite oggi)

RINCARO DEI PARCHEGGI, IL MOVIMENTO 5 STELLE FA UNA PETIZIONE CONTRO LA DELIBERA

ROSSELLA MARTINA SUL CARNEVALDARSENA: “FINALMENTE SI CONTESTA LA GESTIONE INDECOROSA DEL CARNEVALE”