(foto VT)
(foto VT)

CAMAIORE. “Ho compiuto una ricognizione su un prodotto, acquistandolo sia alla farmacia comunale sia a quella privata. E come si evince dallo scontrino purtroppo la farmacia comunale risulta più cara di un 30%”.

La denuncia è di PierFrancesco Pardini, capogruppo Udc a Camaiore. Un fatto che riporta la discussione sulla questione Pluriservizi. “Ho anche chiesto spiegazioni al gestore della farmacia privata – spiega Pardini – chiedendo se fosse una promozione temporanea su questo prodotto, ma mi ha confermato che non è una a campagna promozionale: è un prezzo come tanti altri che viene tenuto volontariamente basso per seguire una attenta campagna di marketing, che serve per incentivare la gente ad optare per la sua farmacia più tosto che di altre”.

“È proprio vero che i tempi sono cambiati: una volta mia nonna quando mi mandava in farmacia mi di e a sempre:”vai a quella comunale che costa meno”.
Invito l’azienda e l’amministrazione comunale prima di prendere certe decisioni affrettate sull’azienda di compiere una ricognizione attenta nei singoli settori di competenza della Pluriservizi per ottimizzare al meglio tagliando e analizzando le potenzialità di ognuno di questi dove credo che ci siano ampie possibilità di ottimizzazione”.

(Visitato 1.366 volte, 1 visite oggi)

IL POLO PER L’ECCELLENZA NAUTICA TOSCANA A YARE 2013

ANTONIOLI (SEL): “LA PORT AUTHORITY REGIONALE? UN FANTASMA”